I Rolling Stones avvisano Trump: "Non usare più i nostri pezzi"

Ausiliatrice Cristiano
Giugno 30, 2020

I Rolling Stones hanno messo in guardia Donald Trump che se continuerà ad usare i loro pezzi nei suoi eventi elettorali rischierà azioni legali. Lo riporta la rivista Rolling Stone.

La band è tornata all'attacco dopo aver già avvertito il Presidente nel 2016, quando durante la campagna elettorale usava "You Can't Always Get What You Want", spiegando che in alcun modo la band appoggiava Trump.

"BMI ha informato il team della campagna di Trump per conto degli Stones che un uso non autorizzato delle loro canzoni sarebbe stata una violazione del loro accordo di licenza", si legge in un comunicato stampa rilasciato dal sito Deadline, con sede a Hollywood. L'articolo è stato poi retwittato dall'account ufficiale della leggendaria rock band. "Se Donald Trump non rispetta l'esclusione e persiste si troverà a dover affrontare un processo per aver rotto l'embargo e suonato della musica senza averne i diritti". Mick Jagger e compagni non sono le uniche rockstar a non gradire l'associazione dei loro pezzi con Trump. Ma evidentemente l'avvertimento non era servito dal momento che la stessa canzone è stata usata nuovamente durante l'incontro elettorale che Trump ha avuto il 20 giugno a Tulsa.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE