Il voto per il Mes slitta a settembre? Conte: "Ci stiamo preparando"

Bruno Cirelli
Giugno 29, 2020

"Il Recovery Fund - aggiunge - non può risolvere tutti i problemi dell'Europa".

Probabilmente non ci sarà voto per il Mes se non a settembre 2020. I dossier che dividono la coalizione giallo-rossa - inclusa la prossima 'manovrina' di luglio e relativo scostamento del deficit - restano tutti sulla scrivania del premier Giuseppe Conte, rimandati da un vertice all'altro (uno nuovo si profila all'inizio della prossima settimana). "Ci stiamo predisponendo - a questo è servito il confronto a Villa Pamphili - per presentare il Recovery plan a settembre".

Bruxelles - La decisione sull'uso del Meccanismo europeo di stabilità "spetta all'Italia". La conferma arriva anche dal grillino Riccardo Ricciardi: "Non credo ci saranno novità al riguardo e quindi il no del Governo italiano sarà netto", ha detto durante un'intervista a La Repubblica.

Inevitabile fare riferimento agli aiuti europei quando si parla di UE e la Merkel ha parlato proprio delle misure che la Commissione Europea sta approntando per vedere di rilanciare l'economia messa in ginocchio dall'emergenza coronavirus, un terribile connubio tra emergenza sanitaria e emergenza economico-sociale. L'obiettivo è portare la bozza del testo al prossimo Consiglio dei ministri ma, precisa, "è un testo che sta suscitando molta attenzione e sono consapevole che i gruppi parlamentari, non solo della maggioranza, vogliono essere coinvolti, e li coinvolgeremo ".

E ancora: "ciò che fa bene all'Europa fa bene anche" alla Germania.

Si deve necessariamente parlare di riforme coi cosiddetti "Paesi frugali" che in sostanza sono quelli che vogliono l'austerity, un termine che nel contesto in cui ci troviamo il buon senso impone di non utilizzare.

"Il Recovery Fund è assolutamente sufficiente per affrontare la crisi".

Nei giorni scorsi Macron ha incontrato il primo ministro olandese, Mark Rutte, con il quale ha avuto un colloquio che, stando a quanto ha affermato lo stesso presidente francese, ha permesso di fare "progressi". Naturalmente devono essere restituiti in dieci anni.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE