Enola Holmes - L'estate di Conan Doyle fa causa a Netflix

Ausiliatrice Cristiano
Giugno 29, 2020

Nel 2014 il giudice del Settimo Circuito Richard Posner stabilì che tutte le storie di Doyle precedenti al 1923 sono di dominio pubblico.

Ricevi novità, recensioni e news su Film, Serie TV e Fiction.

Il film arriverà sulla piattaforma streaming solo a settembre e in rete non circola neppure un trailer, ma gli eredi di Arthur Conan Doyle, lo scrittore scozzese autore della fortunata serie di romanzi e racconti legati a Sherlock Holmes, devono aver avuto accesso a Enola Holmes o alla sua sceneggiatura perché hanno fatto causa a Netflix per il modo in cui il celeberrimo investigatore privato viene rappresentato nel nuovo film diretto da Harry Bradbeer (regista di Fleabag) e incentrato sulla sorella di Holmes, Enola interpretata da Millie Bobby Brown, la giovane star di Stranger Things che proprio pochi giorni fa ha condiviso sul suo account Instagram la prima immagine del filml. Il motivo? Il prossimo film, Enola Holmes, propone una rappresentazione del personaggio di dominio pubblico Sherlock con delle emozioni e caratteristiche che non sono quelle originali pensate dall'autore.

"Mentre Sherlock Holmes è famoso per i suoi grandi poteri di osservazione e logica, è quasi altrettanto famoso per essere distante e privo di emozioni", ha detto il file, citando un estratto di una storia di Conan Doyle in cui il suo amico John Watson, assistente e collaboratore di lunga data, ha descritto Holmes come "tanto carente di simpatia umana quanto preminente nell'intelligenza". Quattro mesi dopo ha perso suo fratello, il generale di brigata Innes Doyle.

Nel 2015 l'estate fece causa alla Miramax per Mr. Holmes ma alla fine venne raggiunta una soluzione. Quando Conan Doyle tornò a scrivere le Storie Protette di Holmes tra il 1923 e il 1927, non bastava più che Holmes fosse il personaggio dalla mente più geniale, razionale e analitica.

Stando alla Conan Doyle Estate, anche i romanzi violerebbero il copyright, essendo i sentimenti mostrati da Sherlock Holmes nei confronti di Watson parte delle ultime 10 avventure scritte da Conan Doyle. Holmes doveva essere umano.

La CNN ha contattato Netflix, Springer e Penguin Random House, l'editore dei libri, per commenti.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE