Oms: "Non servono più 2 test negativi. Bastano 3 giorni senza sintomi"

Barsaba Taglieri
Giugno 21, 2020

Per liberare i pazienti dall'isolamento, l'Oms indica ora il rilevamento di 3 giorni senza sintomi. Lo scrive l'Oms nelle nuove linee guida, pubblicate nei giorni scorsi.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità cambia le linee guida per la gestione della quarantena dei positivi al COVID-19.

L'istituzione internazionale fa anche degli esempi. Secondo il documento dell'Oms, i criteri per la dimissione di pazienti dall'isolamento senza necessità di ripetere il test sono i seguenti: per i pazienti sintomatici 10 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi, più almeno 3 giorni aggiuntivi senza sintomi (inclusi febbre e sintomi respiratori). Inoltre lunghi periodi di isolamento per soggetti senza sintomi incidono sul benessere individuale, sulla società e sull'accesso alle cure sanitarie. Per quelli asintomatici si parla, invece, di 10 giorni dopo il risultato del tampone positivo.

Ma c'è di più: gli esami clinici hanno fatto emergere come il virus venga rilevato in maniera limitata nei tamponi fatti a nove giorni dalla comparsa dei sintomi, soprattutto nelle persone che soffrono di forme lievi della malattia. Le acquisizioni scientifiche sul coronavirus sono ancora in corso e il contesto in cui le istituzioni locali si trovano a fronteggiarlo è molto variabile. "Gli americani hanno recepitole nuove linee guida date dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, vediamo che cosa deciderà l'Italia". Si attende dunque un approfondimento che chiarisca come e se cambieranno i protocolli sanitari dell'emergenza Covid.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE