Bce "L’impatto economico della pandemia potrebbe essere più duraturo"

Paterniano Del Favero
Giugno 20, 2020

"Le notevoli perdite in termini di posti di lavoro e reddito e il livello di incertezza eccezionalmente elevato che circonda le prospettive economiche hanno determinato una flessione significativa della spesa per consumi e degli investimenti" e una revisione al ribasso sia del libello di attività economica che delle prospettive di inflazione. Fra le maggiori economie dell'area, prosegue la nota, "si è registrato un calo dell'attività economica più marcato in Francia, Italia e Spagna che in Germania e nei Paesi Bassi". Nel primo trimestre, in particolare, "c'è stata una correlazione negativa tra la crescita economica dei Paesi dell'area e la restrittività delle misure di distanziamento sociale e di chiusura adottate".

"Alla luce di tali gravi turbative internazionali, le proiezioni macroeconomiche formulate a giugno 2020 dagli esperti dell'Eurosistema segnalano, per quest'anno, una contrazione del PIL mondiale in termini reali (esclusa l'area dell'euro) pari al 4 per cento". Gli economisti dell'Eurotower hanno infatti rivisto al ribasso le loro previsioni e annunciato che nello scenario di base delle proiezioni sul Pil ci si attende un calo in termini reali pari all'8,7% nel 2020 e un suo recupero del 5,2% nel 2021 e del 3,3% nel 2022. "In base allo scenario moderato - si legge ancora nel documento -, che presuppone un efficace contenimento del virus, il Pil in termini reali sui dodici mesi, diminuirebbe del 5,9% nel 2020, prima di segnare un rimbalzo del 6,8% nel 2021 e un aumento del 2,2% nel 2022". È quanto rileva la Bce nel Bollettino economico evidenziando che "la profondità dello shock generato dal Covid-19 e l'entità della risposta di bilancio hanno portato a un netto deterioramento e a una marcata eterogeneità nelle posizioni di bilancio".

Inoltre la Bce ha ribadito il proprio impegno a intraprendere ogni azione necessaria nell'ambito del proprio mandato per sostenere tutti i cittadini dell'area dell'euro nell'attuale fase di estrema difficoltà.

Sono prospettive che tengono conto del passo marziale degli ultimi mesi considerato impatto sull'economia dell'area, e poiché severe e senza precedenti sono state le sferzate inferte dal Covid, la contrazione è ugualmente senza precedenti, dato che ha prodotto crisi e un andamento recessivo peggiori di quella del 2007/08. Le informazioni, i dati e le opinioni fornite all'interno della sezione "news" di questo sito si basano su fonti ritenute affidabili ed in buona fede; in nessun caso, tuttavia, si potrà ritenere che Innofin SIM abbia rilasciato attestazioni o garanzie, esplicite o implicite, in merito alla loro attendibilità, completezza o correttezza.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE