Vespa 946 Christian Dior, frutto della collaborazione di due icone

Paterniano Del Favero
Giugno 14, 2020

Una collaborazione, secondo Pietro Beccari, presidente e a.d. di Christian Dior Couture, che "rende omaggio al fascino senza pari della Riviera italiana, che tanto affascinava Christian Dior". Pur operando in ambiti profondamente diversi, le due realtà hanno un aspetto in comune: sono stati fondati nello stesso anno, oltre ad avere l'obiettivo di creare da sempre qualcosa di iconico e destinato a lasciare nel segno.

Oggi viene ridisegnato da Maria Grazie Chiuri, Direttore Creativo della collezione donna di Dior, uno scooter tutto italiano, realizzato con la supervisione dell'atelier francese.

A dirla tutta è stata ridisegnata, esiste infatti già un'altra Vespa 946 presentata a Milano nel 2012.

1591979339762209 dior fall 2020 dioriviera vespa 946 3
Dior Riviera

Costituito da un telaio monoscocca, avrà un design unico e dettagli che richiamano lo stile Dior nel mondo come, ad esempio, il bauletto decorato con il motivo Dior Oblique - disegnato da Marc Bohan nel 1967 - progettato per essere fissato al portapacchi, conferendo uno stile unico a questo modello. Lo scooter, prodotto in edizione limitata, sarà disponibile dalla primavera 2021 nelle boutique Dior di tutto il mondo. Alcuni accessori potrebbero però rimanere esclusiva dei negozi Dior. "Questa nuova Vespa 946 celebra quell'anniversario e rende omaggio al nostro heritage" dichiara Michele Colaninno, Amministratore Delegato del Gruppo Immsi e Responsabile delle strategie di prodotto e marketing del Gruppo Piaggio. "Vespa mi ricorda la mia citta', Roma". La Vespa Piaggio, inoltre, è profilata da un acceso oro che si ripete non solo sugli accessori ma anche sulla coppa delle ruote. "È legata alla libertà di muoversi facilmente in città, come nel film Vacanze Romane, che ha lasciato quella straordinaria immagine di Audrey Hepburn aggrappata a Gregory Peck".

Molti dei miei ricordi felici hanno una Vespa come protagonista.

Era il mezzo che io e mio marito usavamo per spostarci a Roma e per andare al mare a Fregene. "È un simbolo dell'italianità fortemente legato alla mia vita personale, e che ora fa parte della mia vita professionale in Dior", spiega Maria Grazia Chiuri, direttore creativo delle collezioni di alta moda, prêt-à-porter e accessori femminili per Dior.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE