Torna Postalmarket: "Sarà la versione italiana di Amazon"

Paterniano Del Favero
Giugno 14, 2020

Torna Postalmarket e si pone l'obiettivo ambizioso di diventare la versione italiana di Amazon. La nuova versione del mitico catalogo, cui fecero da testimonial tra le altre Milva, Ornella Muti, Dalila Di Lazzaro, Ornella Vanoni e perfino Brooke Shields, arriverà prima di Natale. A riportare in vita il mito è un caparbio imprenditore friulano della pubblicità, Stefano Bortolussi, che, si era interessato all'impresa già intorno al 2004 occupandosi dell'aspetto marketing, quando il marchio fu rilevato da Riccardo di Tommaso. Ora Postalmarket tornerà nelle case degli italiani in due modalità, una on line e una cartacea più leggera e riservata agli abbonati. Si trattava già di una azienda in fase di declino, ben diversa dal colosso che Anna Bonomi Bolchini aveva costruito a partire dal 1959 ispirata dal modello statunitense di vendita per catalogo. Insieme Francesco D'Avella, titolare della piattaforma di e-ommerce Store Eden, ha creato la Postalmarket Srl.

Ebbene, il Postalmarket sta per tornare con un obiettivo ambizioso: diventare l'Amazon italiano. Purtroppo, gli scandali di Banca Leonardo causano un nuovo fallimento e ulteriori passaggi societari: inutile il tentativo dello stesso Bortolussi di rilanciare il marchio, che fallisce definitivamente nel 2015. C'è molto lavoro da fare. Nonostante non siano mancati alcuni momenti di crisi nel corso dei decenni, negli anni 80 e nei primi 90 Postalmarket è il leader italiano nel mercato delle vendite per corrispondenza (principalmente abbigliamento, accessori, cosmetici): con i cataloghi Primavera/Estate e Autunno/Inverno fattura circa 600 miliardi di lire e gestisce 45 000 spedizioni giornaliere. E anche se "il nostro modello di business è differente" dal precedente, si punta all'effetto amarcord: "Sono milioni le persone che si ricordano di Postalmarket e dunque che sono nostri potenziali clienti", spiega l'imprenditore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE