La virologa Capua: "Ecco perché clinicamente il Covid 19 non esiste più"

Barsaba Taglieri
Giugno 8, 2020

Vaccino, le parole di Ilaria Capua " Il vaccino arriverà, la seconda ondata potrebbe non esserci". L'esperta ha espresso anche il suo parere su un argomento che in questi giorni è stato al centro di numerose polemiche all'interno della comunità scientifica ovvero la morte "clinica" del virus: "Ci credo che il virus clinicamente non esista più". E' quanto dichiarato da Ilaria Capua, tra il serio e il faceto, durante un collegamento con Le parole della settimana su Raitre La dottoressa, pluriospite televisiva dall'inizio dell'emergenza coronavirus, ha risposto così alla domanda "provocatoria" di Massimo Gramellini: "E' vero che lei da oggi ha chiesto di essere definita una ex virologa?".

Agenpress - "Credo che il professor Zangrillo non parli a sproposito, ci credo che il virus clinicamente non esista più. Non è una fucilata ma un patogeno che si manifesta in maniera diversa a seconda di una serie di fattori". Ma non è merito del virus. E ha aggiunto: "Un virus indebolito equivale a dire che una macchina 4 cilindri vada a 3".

Capitolo vaccino: "Ci sono tanti vaccini in pista, il vaccino arriverà. Per questo posso dire che non sono più una virologa", dice sorridendo la scienziata, che dirige l'One Health Center alla University of Florida. Questo vuol dire, come chiarisce la Capua, che arginare il virus continua a dipendere da noi: "La seconda ondata non viene dalle fogne e non viene da una maledizione divina. Viene da noi. Il virus sta circolando, se le persone più fragili continueranno a seguire determinati comportamenti e si manterranno lontane dal contagio, la seconda ondata potrebbe non esserci", prosegue. Infine a proposito del vaccino la virologa ha confermato che arriverà ma che uno dei problemi più grandi sarà il fatto che "avere centinaia di milioni di dosi richiede tempo. Se riusciremo a mantenere questi comportamenti, il virus verrà sconfitto o almeno confinato".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE