Da Barra, un murale per George Floyd targato Jorit

Ausiliatrice Cristiano
Giugno 6, 2020

Lo street artist italo olandese per la prima volta mette insieme 5 personaggi in un'unica opera, realizzata su un edificio del rione Bisignano.

Il nuovo murale di Jorit porta una novità: George Floyd è ripreso al centro, frontalmente, con lacrime rosse che scendono sulle guance invece dei segni tribali che caratterizzano tutti i graffiti dell'artista, che vuole così indicare l'appartenenza alla tribù umana.

Il murales di Jorit realizzato a Napoli per omaggiare George Floyd nasce per sensibilizzare l'opinione pubblica sul tema del razzismo.

Il messaggio, chiaro e di matrice anti-razzista è posto in calce all'opera dall'artista stesso, "E' tempo di cambiare il mondo", che poi chiarisce ancora una volta la valenza sociale della propria arte, citando King: "Una rivolta è in fondo il linguaggio di chi non viene ascoltato".

Jorit, che ha vissuto anche un'esperienza in America, conosce abbastanza bene la realtà dei luoghi più difficili di città importanti, dove molte persone vivono in condizione di emarginazione. "Il video della morte di Floyd mi ha sconvolto", spiega durante i colpi finale della realizzazione della sua opera.

"Per creare un cambiamento, dobbiamo riesaminare i nostri punti di vista e le nostre azioni alla luce di un dolore profondamente sentito ma troppo spesso ignorato", scrive il CEO di Apple, che riprende le parole di Martin Luther King: "Oggi, la nostra stessa sopravvivenza dipende dalla nostra capacità di rimanere svegli, di adattarci a nuove idee, di rimanere vigili e di affrontare la sfida del cambiamento".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE