Di Maio contro le misure anti-Italia: "Non siamo un lazzaretto, esigiamo rispetto"

Bruno Cirelli
Giugno 3, 2020

Luigi Di Maio, con un post apparso su Facebook, ha manifestato una certa insofferenza rispetto all'idea che l'Italia possa essere considerata "un lazzaretto". "La pazienza ha un limite", scrive Di Maio. Non vogliamo sollevare polemiche, ma se qualcuno pensa di chiuderci la porta in faccia solo per i propri interessi, allora risponderemo. Davanti ai personalismi la porta la chiuderemo anche noi. Silenziosamente, spesso affrontando tante difficoltà burocratiche - ha spiegato - questa emergenza ci ha messo a dura prova, ma non abbiamo mai mollato. "E molto probabilmente non ha rivali", ha detto. In prima persona, inoltre, proverà a spiegare in diversi territori che, a partire dalla metà di giugno, l'Italia è pronta a ripartire e a tornare ad accogliere turisti nelle sue splendide città: la ripartenza del turismo avverrà in assoluta responsabilità e sicurezza. Intanto, mercoledì 3 giugno sarà a Roma il Ministro degli Esteri francese Le Drian, al suo primo viaggio all'estero dopo il lockdown. Il riferimento è nei confronti di nazioni come Croazia e Grecia che hanno riaperto ai turisti eccetto quelli italiani. Venerdì 5 invece io stesso andrò in Germania, sabato 6 sarò in Slovenia e martedì 9 in Grecia. "Ora è importante concentrarsi sul presente", conclude Di Maio a fine intervista. Nei prossimi giorni incontrerà il ministro degli Esteri della Francia, poi avrà un incontro con le istituzioni tedesche. "La situazione interna, tutti i dati sui contagi, saranno sempre pubblici". Non accettiamo black-list e non abbiamo nulla da nascondere, anzi. E crolla l'Europa. Come * a href="https://www.facebook.com/ItalyMFA.it/?__xts__ [0]=68.ARA4sQOgq36eVv3mM0svhn3hycZem8SdXeT0uZTlkx_hCwbaTUyC6mIrpSKKs7itwfP3oJPmEVtvrSCCsTTL8a05SzYmb1tK9FDL4kGSxHFf9lTOU1yZjFenglGA3lvMzaqIQ3c1Fmc--ncXoM0xo9XdKjVayrPlUbNUm8PpYtpxRNE5E1A_NTMaOfZOhbe3AKwUZDDfZ6GPLRUyjGC9Dmx2fWJOvh-ttZIBGi3CX_tKAl8HGrkWBaHbeCiL1tgNP0opNM7g3HOtofKMzhiS0ievOehsb2D0Z-5tH80aMkwuydBZKr-a12qSNuyBxXAWNqfxGh_UPxd34czl-5LjKooR9g&__tn__=%2CdK*F-R&eid=ARDsO-ojYC-3AZ5Ie8r0RPwdPvn2QF8qCTrH-biht9bJ98PCtfMPvPCymkp7pJei8V1SLAJ7jzAI2fc8" target="_blank" rel="noopener noreferrer" *Ministero degli Affari Esteri stiamo lavorando senza sosta. Non vuole fare polemiche ma sottolinea che se dovesse trovare le porte chiuse da parte di qualche Paese, sarà costretto a comportarsi di conseguenza.

"Crediamo nello spirito europeo, ma siamo pronti a chiudere le frontiere a chi non ci rispetta".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE