MPS precisa sulle voci relative a una bad bank

Paterniano Del Favero
Mag 31, 2020

"Ci sono contatti in corso, da quanto possiamo vedere non si tratta di una operazione di aiuto (pubblico) ed è stata decisa prima della crisi del coronavirus: spetta a ogni stato decidere se notificare o meno, finora l'Italia non ha fatto una notifica", ha detto durante un colloquio con un'agenzia di stampa. Vestager ha aggiunto anche che "abbiamo dato conforto agli italiani su questa questione".

Lo stato, tuttavia, non potrà avere ripensamenti sull'uscita dal capitale di Mps: "Uno degli impegni della banca è che alla fine verrà venduta", ha dichiarato Vestager sul punto. "Il piano passa ora al vaglio della Bce".

Banca Monte dei Paschi di Siena precisa che, in merito alle notizie diffuse da alcuni organi di informazione in data odierna, riguardo una eventuale operazione di scissione parziale di un compendio formato, tra l'altro, da una consistente porzione di crediti deteriorati del gruppo, l'operazione è allo studio e sono in corso le interlocuzioni con le autorità di vigilanza.

Manca solo il via libera della Banca centrale europea, adesso, all'operazione-Amco con cui Banca Mps, creando una bad bank, riuscirebbe a liberarsi di circa dieci miliardi di sofferenze.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE