Caso Cummings: si dimette il sottosegretario, governo Uk nel caos

Rufina Vignone
Mag 28, 2020

Ha quindi ammesso come "un errore" il fatto di non aver informato Johnson se non diversi giorni dopo, quando il premier era in ospedale, ma non ha chiesto scusa al pubblico, insistendo di aver agito convinto che spostarsi fosse "la miglior cosa da fare" e fosse "legale" sulla base delle eccezioni previste dalle regole sul lockdown. L'osservatore e il Daily Mirror hanno riferito sabato sera, tuttavia, che i testimoni avevano visto Cummings vicino a Durham di nuovo in più date ad aprile, dopo che si era ripreso dai suoi sintomi di Covid-19. Johnson, peraltro, lo ha messo al sicuro: finché non trema il proprio posto, non traballa neanche il suo.

Johnson ha detto di comprendere i problemi di un genitore e di un marito, affermando che Cummings "ha solo seguito gli istinti di un padre". "Cummings per il suo autoisolamento e che viaggiare a Durham non ha violato alcun regolamento", ha detto un portavoce di Downing Street giovedì. Persone che non hanno visitato familiari malati per seguire le linee guida del governo.

Simon Hoare ha aggiunto su Twitter: "Il blocco ha avuto le sue sfide per tutti". Fa male PM / Govt ora e non mi piace.

Il messaggio anti-istituzione di Cummings, il comportamento brutale e la reputazione spietata lo hanno reso al massimo una figura controversa.

La conferenza stampa umiliante con cui l'influente braccio destro del premier Tory britannico è stato consegnato lunedì in pasto ai giornalisti per un incerto tentativo d'auto-giustificazione lascia il caso apertissimo nel Regno Unito - fra interrogativi, contestazioni, polemiche furenti - e minaccia di azzoppare lo stesso governo, colpito dalle prime dimissioni di protesta. Il segretario David Lammy ha detto domenica.

E il governo sente il calore dei giornali tradizionalmente comprensivi di Boris Johnson.

Il Telegraph, che annovera tra i suoi ex editorialisti il Primo Ministro, ha evocato le seconde affermazioni, che sono state rivelate giusto in tempo sabato notte per provocare una nuova ondata di domande domenica.

La polizia di Durham ha scoperto a seguito di un'indagine che il viaggio di 26 chilometri da Cummings al Castello di Barnard "avrebbe potuto essere una piccola violazione della regolamentazione che avrebbe giustificato l'intervento della polizia".

Johnson ha tenuto il silenzio personalmente durante il weekend, senza rilasciare interviste e non fare dichiarazioni pubbliche su Cummings. Ma è sempre più evidente che questa fila politica è diventata un momento determinante nella risposta del coronavirus nel Regno Unito.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE