Burioni: "Italiani più coscienti del pericolo. Calcio? Tiferei come prima"

Bruno Cirelli
Mag 20, 2020

"Io non so se il virus è mutato". E lo sono ancora di più dopo una analisi del settimanale Panorama. Una domanda che molti italiani si pongono, perché non è certo gratis che questi professionisti sono ospitati dalle televisioni. Stando a ciò che si legge sul sito di Quifinanza.it, agli emissari di Panorama, l'agente del virologo ha risposto in questo modo: "Mi dica il budget, è limitato?" Il professore farà le sue valutazioni. Chi ha espresso delle perplessità in merito con un nuovo calcio d'inizio (è proprio il caso di dirlo) è il famoso e discusso virologo Roberto Burioni che vede nel 13 giugno una data difficilmente realistica.

Il Codacons ha però sollevato un altro problema: Burioni ha fondato la Pomona ricerca SRL, una società di ricerca che avrebbe rapporti con multinazionali ed aziende che producono vaccini.

Burioni:

Il programma di Fabio Fazio "è finanziato dai cittadini attraverso il canone Rai, e gli utenti hanno tutto il diritto di sapere quanto la rete versa a Roberto Burioni per la sua presenza in trasmissione - aveva scritto il Codacons - Per tale motivo presentiamo un esposto alla Corte dei Conti, affinché avvii una indagine sulla vicenda e verifichi la congruità dei compensi riconosciuti da Fazio a Burioni, nell'ottica di una totale trasparenza ai fini di possibili danni sul fronte erariale". Anche lei è divenuta in tempi di coronavirus, un volto assai noto della televisione.

"Per un contributo di 10 minuti su Skype, ha dichiarato l'agente della nota virologa, che dirige l'One Health Center of Excellence all'Università della Florida, siamo attorno ai 2mila euro più Iva". "Se si riprenderà ovviamente tiferò come prima".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE