Recovery fund, accordo tra Germania e Francia: "Sarà di 500 miliardi"

Bruno Cirelli
Mag 19, 2020

"Da questa somma si può partire per rendere ancora più consistente il Recovery Fund, nel quadro del budget europeo". Secondo il quotidiano all'Italia andrebbero tra gli 80 miliardi e i 100 miliardi di euro, essendo uno dei paesi più toccati dal Covid19. Nel dettaglio, il fondo "fornirà una spesa a carico del bilancio per i settori e le regioni più colpite sulla base dei programmi di bilancio Ue e in linea con le priorità europee", si legge nella proposta franco-tedesca. "L'obiettivo è sostenere una ripresa sostenibile che ripristini e rafforzi la crescita nella Ue". "I buoni del tesoro che hanno emesso oggi - ricorda il leader della Lega - che è quello che chiedeva la Lega da settimane, sono invece andati bruciati, 3 miliardi offerti oggi sono andati esauriti, quindi se fossero offerti esentasse, dicendo che ci servono per ricostruire ospedali e scuole, dicendo ti tolgo pure il 12% di tasse su questi Buoni del tesoro, vedremo che non abbiamo bisogno né di Parigi, né di Berlino, né di Pechino, ma ce la facciamo da soli".

E' Macron a sottolineare che la Ue è ancora una volta guidata dall'asse Berlino-Parigi.

Le autorità italiane avevano poi commentato l'accordo esprimendo soddisfazione per la presenza del cosiddetto Green Deal e per l'attenzione posta alla salvaguardia del l'industria europea, così duramente provato dal lockdown forzato: "In sintonia con le nostre proposte vi è anche l'attenzione per il Green Deal, il sostegno del tessuto industriale europeo, e la prospettiva di armonizzare il quadro regolatorio fiscale". Questa posizione, come specificato dal Presidente Macron, è evidentemente il frutto del lavoro congiunto con altri partners europei, in primis l'Italia, in vista della proposta della Commissione Europea sul Recovery Fund e più in generale sugli altri temi evocati come: "salute, investimenti, ricerca, politica industriale e concorrenza, che rappresentano obiettivi prioritari dell'agenda europea". Tuttavia è importante il dato politico visto che si tratta dell'approssimazione più vicina agli Eurobond che la Germania, finora, ha sempre ostacolato.

Dal canto suo, il premier Giuseppe Conte plaude all'iniziativa: "La proposta franco-tedesca (500 miliardi a fondo perduto) rappresenta è un primo passo importante nella direzione auspicata dall'Italia", scrive su Twitter. Von der Leyen incassa per ora l'assist franco-tedesco, che "va - dice - nella direzione della proposta su cui sta lavorando la Commissione". Riconosce l'entità della sfida economica che deve affrontare l'europa e sottolinea giustamente la necessità di trovare una soluzione che mantenga il bilancio al centro delle sue priorità. I titoli infatti, saranno emessi dalla Commissione e il rimborso graverà sul bilancio comunitario che, è bene ricordarlo, viene alimentato in larghissima parte dai singoli Paesi. "La proposta è in linea con quella preparata dalla commissione, che terrà conto anche delle opinioni di tutti gli stati membri e del parlamento europeo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE