In Sicilia il 'sorpasso' Più guariti che contagiati

Rufina Vignone
Mag 18, 2020

Presidente Musumeci, le darò del Lei, perchè pe me Lei non rappresenta il mio Presidente, lei non merita questo privilegio. Una dose di ottimismo in vista della nuova fase di riaperture previsto a livello nazionale e regionale.

"La delibera della Giunta regionale sull'integrazione della sanità privata nel sistema di contrasto all'emergenza Covid-19 dimostra la necessità di riflettere, dopo anni, sull'intero sistema della sanità in Sicilia".

I tempi sono ormai maturi: la Sicilia avrà il suo primo assessore regionale leghista.

"Il governo nazionale non ha ancora trasmesso ai presidenti di Regione il decreto necessario per disciplinare le riaperture- scrive a tarda sera Musumeci su facebook- La mia ordinanza è comunque pronta per la firma ed estende, come avevo promesso", - il più possibile l'esercizio delle attività, forti delle attuali condizioni sanitarie nella nostra Isola. Ma proprio la cultura e l'identità siciliana alla Lega?!

Ecco perché il dato che più trae in inganno è quello degli "attualmente positivi".

"La questione del resto - conclude il Parlamentare - era stata già posta dal M5S nel corso della precedente seduta della I Commissione ed era stato convenuto e concordato che, se per i deputati pentastellati la norma andava cambiata, gli stessi avrebbero potuto presentare un disegno di legge abrogativo o modificativo della norma contestata, peraltro, ereditata dai precedenti governi".

Ci consenta di dubitarne decisamente, visto i comportamenti passati e presenti della Lega nei confronti dei Siciliani, le ricordo le affermazioni di Vittorio Feltri, per le quali noi come movimento presenteremo querela per difendere tutti i meridionali inferiori, e lei non ha fatto nulla per difendere la dignita di tutti i Siciliani.

Ora sembra siamo arrivati al paradosso che la fonte del diritto risieda anche nelle "dichiarazioni" del presidente del consiglio.

L'incidenza settimanale, invece, che valuta quanti contagi ci sono stati rapportandoli su 100mila abitanti di una specifica regione, definisce a bassa incidente molte regioni del Sud, come la Basilicata, la Calabria, la Puglia e la Sicilia.

Il 15 maggio di ogni anno si celebra, quindi, la festa dell´Autonomia siciliana. Le sue decisioni e indecisioni politiche, le sue dichiarazioni lo dimostrano inequivocabilmente, a cominciare dall'infinito, sconcertante interim dell'assessorato dei Beni Culturali che egli ha avocato a sé per più di un anno, indebolendo fortemente, svuotando di ruolo e di significato una funzione pubblica cruciale della Regione Siciliana.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE