Coronavirus in Emilia-Romagna: su 5600 tamponi, solo 35 casi di positività

Paterniano Del Favero
Mag 18, 2020

Salgono a 26.929 - complessivamente - i casi di positività al coronavirus, in Emilia-Romagna: rispetto a ieri l'incremento è di 53 unità, uno fra gli aumenti giornalieri più bassi registrati finora. Tra ieri e oggi si registrano 18 nuovi decessi: 13 uomini e 5 donne. Le vittime sono complessivamente 562 dall'inizio dell'epidemia. I test effettuati hanno raggiunto quota 239.178 (+4.559) e le nuove guarigioni 274 (16.243 in totale), mentre i casi attivi sono calati di 239 unità passando dai 7.040 a 6.801, per un differenziale fra guariti complessivi e malati effettivi di 9.442 unità.

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 4.694, -37 rispetto a ieri.

Oggi si registra un nuovo caso positivo (persona non residente nel Circondario imolese) ed 1 guarito di Imola. Diminuiscono anche quelli ricoverati negli altri reparti Covid (-219).

Questi i casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.391 a Piacenza (5 in più rispetto a marte), 3.317 a Parma (1 in più), 4.859 a Reggio Emilia (5 in più), 3.837 a Modena (7 in più), 4.437 a Bologna (22 in più), 389 le positività registrate a Imola (0 in più), 977 a Ferrara (0 in più).

Dal Dipartimento nazionale, sono pervenute 1 milione e 130.000 mascherine chirurgiche, di cui 10.000 mila destinate alle RSA, 241.000 mascherine ffp2 (di cui 20.000 per le RSA e 11.000 per il trasporto pubblico locale); 54.000 camici idrorepellenti, 240 litri di gel igienizzante e 9.000 dépliant illustrativi sul corretto uso delle diverse tipologie di mascherine, da distribuire presso Comuni, uffici pubblici, strutture sanitarie e medici di base.

Volontari di protezione civile sono occupati anche in funzioni di segreteria e supporto logistico presso i Centri operativi (Coc) dei vari Comuni o presso le sedi dei Coordinamenti provinciali; i volontari sono stati coinvolti nella distribuzione di generi alimentari, oltre che mascherine alla popolazione nel piacentino e nel bolognese (qui anche col supporto degli scout Agesci che su tutta la regione ieri erano 120); nel parmense, prosegue la sanificazione dei mezzi di soccorso.

Su attivazione del Dipartimento nazionale, fino al 15 maggio è in atto un'attività a supporto delle aziende del Trasporto Pubblico Locale, che ieri ha impegnato 8 volontari. All'aeroporto Marconi di Bologna continuano a operare 2 volontari per monitorare i passeggeri in transito.

Oggi viene installata presso la Casa circondariale di Ferrara (via Arginone n. 327) una tenda pneumatica a quattro archi che sarà adibita a svolgere le funzioni di pre-triage per i visitatori e i familiari dei detenuti nel carcere. Con questa struttura, salgono a 5 i punti pre-triage davanti a ospedali, cliniche private e case di cura in provincia di Rimini, a cui si aggiunge quello della Casa circondariale del capoluogo.

1 nella Repubblica di San Marino (Ospedale di Stato: pre-triage e screening sierologici). Nessun decesso di residenti a Parma, Reggio Emilia, Ravenna, Rimini e da fuori regione. Strutture che si aggiungono alle altre presenti sul territorio regionale allestite dalle Aziende sanitarie.

Lunedì 11 maggio 844 i volontari di protezione civile dell'Emilia-Romagna impegnati nell'emergenza; dall'inizio delle attivazioni del volontariato, si sono accumulate 45.497 giornate complessive.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE