Coronavirus, un fondo perduto per le micro e pmi

Paterniano Del Favero
Mag 2, 2020

"Per le PMI al di sopra di una certa soglia", ha poi aggiunto Conte nel corso del suo intervento in Senato, "sono poi allo studio interventi volti ad assorbire parzialmente le perdite, con capitale pubblico che possa trasformarsi in sostegno a fondo perduto attraverso erogazioni di liquidità o schemi di agevolazione fiscale".

Tuttavia il pacchetto di misure a favore delle micro e delle piccole imprese non finisce qui, poiché verrà riservato loro un importo medio di 5.000 euro unito allo sblocco di 12 miliardi di euro provenienti dalla PA. In più il ministro rilancia:"agiremo sulle utenze non domestiche con potenza superiore a 3kw, per un costo di 600 milioni". Ecco che il nuovo decreto aprile conterrà delle soluzioni per tutti, anche per le micro imprese che operano sul nostro territorio.

Fondo perduto PMI, chi può accedere: a essere interessate dal provvedimento saranno le micro e PMI fino a 9 dipendenti. Tra queste i famosi contributi a fondo perduto, ma anche l'incremento del bonus professionisti e partita Iva, il bonus bollette ed affitto.

Bonus liberi professionisti titolari di partita iva, iscritti alla Gestione separata, che abbiano subito una riduzione di almeno il 33% del reddito del secondo bimestre 2020, a maggio andrà un'indennità di 1000 euro. In particolare le novità in questione riguardano l'incremento del bonus che da 600 passa ad 800 euro per il mese di aprile.

Bonus 1000 euro addetti stagionali del turismo, delle terme, per quelli dello spettacolo, dello sport e delle vendite a domicilio, per gli intermittenti.

Nel decreto di maggio dovrebbero essere contenute "misure di ristoro e indennizzo a fondo perduto". "Questo abbatterà gli oneri fissi e chi è rimasto chiuso in questi tre mesi riceverà una bolletta quasi pari a zero". Attese le misure previste nel decreto aprile, che vanno a garantire maggiori sostegni economici alle piccole e medie imprese.

Una sorta di "Corona Equity" come l'ha definito il viceministro allo sviluppo economico Stefano Buffagni.

Saranno prese in considerazione imprese che hanno "un valore elevato per la nostra economia, in quanto al centro di intere filiere, e hanno avuto un danno elevato dall'emergenza coronavirus" ha evidenziato Patuanelli nell'intervista al Sole 24 Ore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE