Allarme Science: a fine restrizioni il virus tornerà, quarantena fino al 2022

Barsaba Taglieri
Aprile 15, 2020

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Science della Scuola di salute pubblica T.H. Chan dell'Università americana di Harvard, le misure di alleggerimento alle restrizioni che diversi Paesi nel mondo di preparano ad applicare potrebbero portare a nuove ondate di contagi.

Ad esempio, se il distanziamento sociale si allenta quando la trasmissibilità del virus aumenta in autunno, potrà verificarsi un'intensa epidemia invernale, che si sovrapporrebbe alla stagione influenzale e metterebbe fuori gioco gli ospedali.

La quarantena per il Coronavirus durerà, a singhiozzo, fino al 2022, così come le misure di distanziamento sociale. Il nuovo studio di modellizzazione suggerisce che l'incidenza del Covid-19 fino al 2025 dipenderà in modo decisivo dalla durata dell'immunità umana, della quale gli scienziati sanno ancora poco.

A quanto il virus pandemico diventerà stagionale, un po' come l'influenza. Inoltre servono al più presto studi sierologici per far luce sulla durata dell'immunità acquisita dai pazienti. Pertanto, secondo gli autori, sono necessari "urgentemente studi sierologici longitudinali per determinare l'estensione dell'immunità della popolazione, e per capire se questa immunità diminuisce con il tempo e con quale frequenza". Tra questi l'adeguatezza di misure come il distanziamento sociale per ridurre i contagi. Sempre più spesso le autorità sanitarie ritengono "improbabile" che Sars-CoV-2 imiti il 'cugino' Sars-CoV-1 e venga eradicato dopo aver causato una breve pandemia. Sovrapponendosi alla normale influenza stagionale, porterebbe al collasso le strutture ospedaliere che potrebbero non reggere la pressione. Per valutare la plausibilità di questo scenario, l'immunologo Stephen Kissler e i suoi collaboratori hanno elaborato un modello matematico per calcolare le dinamiche del contagio nei prossimi cinque anni.

L'assenza di cure e vaccini sono la variabile che, secondo i ricercatori, mette in campo un altro scenario: il virus SarsCoV2 potrebbe ripresentarsi ancora a fine 2024. "Il nostro obiettivo non è di approvare queste misure, ma di identificare le probabili traiettorie dell'epidemia con approcci alternativi", scrivono i ricercatori.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE