GIAPPONE stato di emergenza nelle prossime ore, aumento contagi

Bruno Cirelli
Aprile 9, 2020

Insomma, il primo ministro ha posticipato il lock down di altre 48 ore, decisione che non è piaciuta né all'opposizione né a una parte sempre crescente dell'opinione pubblica che ritiene inadatto il premier nella gestione dell'emergenza e lo accusa di anteporre gli interessi economici del Giappone (che dall'inizio dell'anno è entrato in recessione tecnica) alla salute dell'opinione pubblica. La misura non prevede, al momento, un definivo lockdown. Ma non sono previste sanzioni per chi non adempirà alle direttive. I governatori di queste sette aree -in cui vive il 44% della popolazione- potranno chiedere ai cittadini di non uscire di casa e a scuole e aziende di fermarsi.

Stando a fonti governative riprese da Ani, sta aumentando la pressione sul premier Abe, vista l'impennata dei casi registrati di Covid-19 recentemente, e l'intensificarsi degli appelli in tal senso del Governatore di Tokyo Yuriko Koike e dall'Associazione Medica Giapponese. I guadagni sono stati limitati, tuttavia, dalla dichiarazione di uno stato di emergenza in alcune delle più grandi città del paese.

Dalle restrizioni restano comunque esclusi i negozi di alimentari, le visite negli ospedali e i trasporti ferroviari e urbani. Almeno 83 delle nuove infezioni sono avvenute nella capitale Tokyo.

Al momento, i dati riportati dalla John Hopkins University, parlano di 3.906 casi totali in Giappone, con 92 morti e 592 guariti nel Paese.

Fino a pochi giorni fa le immagini delle persone che circolavano liberamente in Giappone erano un'eccezione da studiare. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE