Cannes non avrà un'edizione online Thierry Fremaux spiega il motivo

Ausiliatrice Cristiano
Aprile 9, 2020

Cannes e Venezia hanno scopi e idee di festival completamente opposte rispetto al Toronto International Film Festival, un evento molto più aperto, anche al pubblico, e che cura meno l'industria e la presenza di cast e artisti, essendo anche sprovvisto di una vera e propria competizione. Il direttore del Festival di Cannes, Thierry Fremaux, in un'intervista al portale Variety, conferma e ne spiega le motivazioni. "Per la sua anima, la sua storia, la sua efficienza, si tratta di un modello che non potrebbe funzionare", dichiara. "Un concorso digitale? Dovremmo chiedere a chi detiene i diritti se sono d'accordo".

Scoprire Top Gun 2 o il nuovo Pixar, Soul, in un posto che non è un cinema? E aggiunge: "Se tutti i festival venissero cancellati, dobbiamo pensare a un modo di mostrare i film e non sprecare l'annata, ma non credo che una precaria e improvvisata edizione alternativa di Cannes o Venezia possa essere la soluzione".

Staremo a vedere cosa succedere nelle prossime settimane, intanto il Palazzo del Festival di Cannes è stato trasformato momentaneamente in un rifugio per senza tetto. I registi di cinema sono spinti dall'idea di mostrare i loro film su un grande schermo e condividerli con gli altri in eventi come i festival, non con lo scopo di vederli finire su un iPhone.

"L'uscita di questi film è stata rimandata per essere proiettata sul grande schermo; perché dovremmo volerli mostrare su un dispositivo digitale?" ha detto Fremaux riferendosi ad alcuni dei film previsti per l'edizione di quest'anno. Si pensa a una data tra giugno e luglio, nel periodo estivo, così da evitare la competizione con i festival autunnali come Venezia e Toronto, ma non è detto che questa opzione sia praticabile, per scoprirlo, dovremmo aspettare che l'attuale pandemia globale si avvicini, quantomeno, alla fine. Solo il tempo ci permetterà di fare maggiore chiarezza.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE