Inter, Lukaku shock: "Per fermare il calcio serviva uno juventino positivo"

Rufina Vignone
Aprile 2, 2020

Si lavora alle ipotesi per un ritorno in campo per salvare la stagione, anche se al momento non si sa ancora se questo sarà possibile.

Intervenuto nel corso di una diretta Instagram organizzata dall'account ufficiale della Puma, l'attaccante nerazzurro Romelu Lukaku ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "Ciò che mi manca di più - riferisce il belga - è il ritmo gara, la competizione con l'avversario, lo stadio pieno, l'affetto del pubblico". Ma se voglio aiutare la mia squadra, devo essere sempre pronto ad aiutare i miei compagni. "La salute viene prima di ogni cosa - ha spiegato - Perché dobbiamo giocare se nel mondo c'è gente che rischia la vita?" Le statistiche personali hanno poca importanza, bisogna muoversi con i tempi giusti per attaccare lo spazio negli ultimi metri. Eppure è stato necessario che fosse positivo un giocatore della Juve perché il calcio si fermasse: è normale tutto ciò? Il riferimento è ovviamente alla prima positività nel mondo della Serie A italiana, quella del bianconero Daniele Rugani. "E' sempre importante rivedere i propri errori per non commetterli nuovamente".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE