Coronavirus, il ministro Speranza: "Misure restrittive fino al 13 aprile"

Bruno Cirelli
Aprile 2, 2020

L'ideale sarebbe creare un Pool di Pm ad hoc per sovrintendere ai singoli Pm, risalendo alla natura colposa o dolosa della sciagura che ha colpito l'umanità intera e, nello specifico, lo Stato italiano, in questa catastrofe, può costituirsi parte civile ma è necessario anche appurare il concorso di colpa, ossia di chi si è spostato da una nazione all'altra, chi ha taciuto, quali figure istituzionali non hanno adottato in tempo le misure di prevenzione e quali erano gli organi preposti al controllo e se è opportuno l'intervento dela Corte Penale Internazionale con sede all'Aja per i crimini contro l'umanità. Arriva inoltre una nuova stretta per gli allenamenti sportivi. "Sono qui non solo per informare il Paese ma per ascoltare".

"Proroga fino al 3 maggio?" E' un'ipotesi non accreditata, in questo momento è presto. "I nostri esperti aggiornano i dati ogni giorno, fino al 20 aprile ci saranno elaborazioni". Così il premier Giuseppe Conte durante la registrazione dello Speciale Accordi e Disaccordi in onda stasera alle 21,25 sul Nove. "Le misure di contenimento hanno costretto molte attività alla chiusura forzata e il perdurare della situazione sta mettendo in difficoltà anche cittadini che fino a un mese fa non avevano problemi di sostentamento - spiega il primo cittadino - per tanti diventa oggi difficile anche fare la spesa e per questo facciamo appello alla solidarietà di tutti". Cioè chi ha sintomi tali da aver dovuto ricorrere all'aiuto dei soccorritori del 118. Non è il tempo delle divisioni. "L'unità e la coesione sociale sono indispensabili in queste condizioni, come ha detto il presidente Mattarella", ha sottolineato.

"Attenzione ai facili ottimismi - ha proseguito Speranza - che possono vanificare i sacrifici fatti: non dobbiamo confondere i primi segnali positivi con un segnale di cessato allarme. La battaglia è ancora molto lunga e non possiamo abbassare la guardia".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE