F1: l'idea folle di Marko,camp per infettare piloti Red Bull - F1

Rufina Vignone
Marzo 31, 2020

Un'idea assurda, che ovviamente non è stata avallata.

Seppur il boss della scuderia anglo-austriaca non sia nuovo a uscite quanto meno shock, l'ultima proposta avanzata in merito all'emergenza Coronavirus fa veramente discutere. E' la singolare idea di Helmut Marko bocciata dalla Red Bull. E' stato lo stesso consigliere del team anglo-austriaco di Formula 1 a rivelare la sua proposta in un'intervista con l'emittente austriaca Orf riportata dal magazine Motorsport. "La mia idea era di organizzare un camp per riempire questo periodo morto dal punto di vista fisico e mentale e in questo modo cogliere l'occasione per far contrarre a tutti i piloti (della Red Bull) l'infezione da Covid-19. - spiega Marko - In questo modo sarebbero poi stati pronti per quando comincerà l'azione". "Sono in ottima forma, non avrebbero avuto gravi conseguenze e sarebbero stati pronti per cominciare il campionato".

Viene dunque da chiedersi se per il boss della scuderia Redbull sia più importante la ripresa del Mondiale, oppure la salute delle persone. L'uomo alcuni giorni fa ha affermato che la miglior cosa da fare fosse quella di contagiare immediatamente tutti i piloti, per evitare che questi possano contrarre il virus nel corso della parte clou del mondiale che deve ancora iniziare.

"Abbiamo quattro piloti di Formula 1 e 8-10 giovani piloti". A ragion veduta questo concetto è stato screditato già all'interno del team:"Mettiamola in questo modo: la cosa non è stata ricevuta bene". "È fondamentale farlo ora, perché con una stagione compressa di 15-18 gare sarà difficile trovare tempo tra un GP e l'altro".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE