Prelato residente a Santa Marta positivo

Bruno Cirelli
Marzo 26, 2020

La positività del prelato, domiciliato a Santa Marta - dimora del Papa - ha fatto subito scattare l'allarme: come riporta l'ANSA "sono in corso da questa mattina i controlli nella stessa residenza".

Le udienze del Papa sono state temporaneamente interrotte, ma il Pontefice continua a tenere incontri personali.

Sono cinque finora i dipendenti vaticani contagiati. I dipendenti della Segreteria di Stato che possono aver avuto contatti con il monsignore italiano ora al Gemelli, sono convocati per sottoporsi al tampone.

Nuovo caso d'infezione da coronavirus in Vaticano.

"Ogni essere umano - ha ricordato Papa Francesco - è chiamato da Dio a godere della pienezza della vita; ed essendo affidato alla premura materna della Chiesa, ogni minaccia alla dignità e alla vita umana non può non ripercuotersi nel cuore di essa, nelle sue viscere materne".

"Questo meccanismo - ha proseguito Francesco - succede a noi quando noi abbiamo atteggiamenti che ci portano all'idolatria, siamo attaccati a cose che ci allontanano da Dio perché noi facciamo un altro dio e lo facciamo con i doni che il Signore ha già dato, con l'intelligenza, con la volontà, con l'amore, col cuore". "In questi giorni di tanta sofferenza, c'è tanta paura". Tutte le riunione si svolgerebbero a distanza e si concluderebbero comunque con una stretta di mano dopo, però, aver igienizzato le mani. "Come figli fiduciosi ci rivolgiamo al Padre, vogliamo implorare la misericordia per l'umanità duramente provata dal virus, tutti insieme, di ogni lingua, età e nazione". Stando a quello che scrive Il Messaggero, in un articolo firmato da Franca Giansoldati, un collaboratore di Papa Francesco che vivrebbe nella residenza vaticana di Santa Marta, sarebbe stato contagiato dal Covid 19.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE