Il Tg Leonardo 5 anni fa parlava del coronavirus creato in laboratorio

Ausiliatrice Cristiano
Marzo 25, 2020

Il titolo è "Il Rischio del supervirus" e tratta di un esperimento portato avanti in Cina su un virus polmonare da pipistrelli e topi.

L'ipotesi che il coronavirus Sars-CoV-2 fosse stato creato artificialmente in laboratorio e poi diffuso (intenzionalmente o meno) tra la popolazione è circolata massicciamente nelle ultime settimane, pur non trovando alcun riscontro all'interno della comunità scientifica.

La diffusione del video è stata così capillare che il deputato di Forza Italia, Roberto Novelli, ha chiesto alla Rai di "ospitare un approfondimento sul Coronavirus creato in un laboratorio di ricerca cinese, così come riportato da un servizio di TGR Leonardo del novembre 2015".

A rinfrescare la memoria ci pensa il quotidiano online Open diretto da Enrico Mentana che si era già occupato della vicenda lo scorso 4 marzo a seguito di un articolo pubblicato da Il Fatto Quotidiano. Vi spieghiamo perché non è così. Nell'esperimento, gli scienziati hanno innestato la glicoproteina SHC014 presente nella specie di pipistrello nota come "Ferro di cavallo" sul virus della Sars che attacca nei topi. "Ne esce un supervirus che potrebbe colpire l'uomo". Secondo i ricercatori l'organismo originale e, a maggior ragione quello ingegnerizzato, può contagiare l'uomo direttamente dai pipistrelli senza passare per una specie intermedia come il topo ed è questa eventualità a sollevare molte polemiche. "Tranquilli, è naturale al 100%, purtroppo".

L'Adnkronos ha interpellato Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università di Milano.

Il servizio di Tgr Leonardo, infatti, parla della creazione di un supervirus polmonare da pipistrelli e topi per motivi di studi in Cina. " si domandava ancora Daniele Cerrato". Nature Medicine 2020) che dimostra senza ombra di dubbio che il virus ha una origine naturale e zoonotica (da animali, e in particolare pipistrelli e pangolini), per cui la storia del virus in laboratorio si conferma una bufala colossale. "Siano gli scienziati a dire l'ultima".

A supporto di quanto affermato, arrivano le dichiarazioni di Alessandro Casarin, direttore della testata regionale Rai.

Una aderenza sconvolgente. Sembra che in quel lontano Tg Leonardo del 16 novembre 2015, trasmesso su Rai Tre, si parli proprio del Covid19. Il servizio, del 2015, riguarda la nascita di un virus chimera da laboratorio, che però non ha nulla a che fare con il Coronavirus.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE