Anche Pepe Reina tra i contagiati - Ticinonline

Rufina Vignone
Marzo 25, 2020

A raccontarlo, a Cadena Cope, è proprio lui: "La scorsa settimana ho avuto tutti i sintomi del coronavirus - spiega -, sono stati giorni difficili in cui ho preso ogni tipo di precauzione per non contagiare chi vive con me".

Qui non vengono fatti i test, è un problema, ma adesso sto bene. "È dura, è come se mi fosse passato sopra un camion".

"La scorsa settimana ho avuto i sintomi del Coronavirus".

Pepe Reina, vecchia conoscenza del calcio italiano tra Napoli e Milan, ha raccontato la sua esperienza degli ultimi giorni. Un periodo che il portiere ha vissuto con grande preoccupazione, con il cuore alla sua Spagna e la mente anche al'Italia: "Seguo le notizie che arrivano da Spagna e Italia anche più di quelle dell'Inghilterra - le sue parole - C'è preoccupazione, questo vale per tutti". Quello che mi colpisce di più è vedere persone che se ne vanno senza neanche la possibilità di essere salutate per l'ultima volta dalla propria famiglia.

Reina non gradisce l'idea di disputare partite a porte chiuse, dunque senza tifosi: "Non ha senso giocare senza pubblico, ci se sentiamo più appagati se ci sono persone".

"Ci sono grandi interessi economici in giro e lo capisco, ma è così per tutti i settori, non solo per il calcio". La salute di tutti viene prima di qualunque cosa, non so se giocheremo ancora in questa stagione.

Infine lo spagnolo fa una riflessione molto saggia: "Noi calciatori siamo dei privilegiati, per me è facile restare in isolamento".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE