Coronavirus, sono 601 le vittime di oggi. Guarite altre 408 persone

Bruno Cirelli
Marzo 24, 2020

Sono 50.418 i pazienti positivi da Coronavirus in Italia, con un incremento di 3.780 rispetto a ieri. Dei totali attualmente positivi 3.204 sono ricoverati in terapia intensiva, circa il 6% del totale.

Il numero complessivo dei contagiati, comprese le vittime e i guariti, raggiunge così quota 63.927. E' fondamentale - prosegue Locatelli - quanto più possibile nei contesti familiari mantenere misure stringenti di contenimento dei soggetti risultati positivi al coronavirus. Da ieri sono vietati i trasferimenti tra comuni diversi, salvo che per lavoro o salute. "E' il momento in cui dobbiamo dare l'ennesima dimostrazione di essere una nazione unita e solidale". "Io sono stato fortunato, state a casa", ha affermato in un video trasmesso sulla pagina Facebook di Lombardia Notizie. Secondo Locatelli solo l'1% dei soggetti morti per coronavirus avevano un'età inferiore all'età di 50 anni.

"Bisogna limitare gli spostamenti, ma ci sono esigenze che vanno assicurate". Le vittime italiane sono complessivamente 6.077 le vittime di coronavirus in Italia, con un aumento rispetto a ieri di 601. A dirlo è il commissario straordinario della Protezione Civile Borrelli.

E' il motivo per il quale si stringono ancora le maglie dei controlli.

Nell'ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul territorio nazionale, alla data del 22 marzo, 46.638 persone risultano positive al virus. "Il Capo del Dipartimento è negativo al tampone". Saranno utilizzati per l'acquisto di dispositivi di protezione individuale e di respiratori, che aiuteranno a fronteggiare l'emergenza. Lo ha detto Domenico Arcuri, commissario straordinario al'emergenza Coronavirus, al programma "Mezz'ora in più" su Rai 3.

"Il direttore generale di AIFA, Nicola Magrini, mi ha comunicato che la riunione del Comitato Tecnico-Scientifico di questa mattina, dopo una prima analisi sui dati disponibili relativi ad Avigan, sta sviluppando un programma di sperimentazione e ricerca per valutare l'impatto del farmaco nelle fasi iniziali della malattia". "Il premier Conte - conclude la nota - ha rassicurato De Luca: il Governo sta affrontando questa problematica per le decisioni di merito". L'Istituto Spallanzani rende noto anche che che il poliziotto "appartenente al Commissariato di Spinaceto e da noi ricoverato, nella giornata di ieri è stato estubato e respira autonomamente". Borrelli ha ringraziato i numerosi Paesi che hanno contribuito alle attività dell'Italia: in particolare Russia, Cina e Cuba. Nella lista dei 24 nomi sono anche inclusi medici pensionati ma non più attivi.

Viene segnalato dalla "Provincia Pavese" il caso dei coniugi, lei infermiera, 64 anni, lui agricoltore, 66, morti in ospedale a poche ore di distanza, senza nemmeno potersi dire addio e senza poter salutare i figli.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE