Ricette mediche, si cambia: niente fila dal medico, arrivano quelle dematerializzate

Barsaba Taglieri
Marzo 20, 2020

Anche la ricetta medica diventa "virtuale", per cercare di limitare al massimo la diffusione del Coronavirus - soprattutto in ambienti "delicati" quali gli studi medici. Niente più foglio cartaceo da andare a prendere fisicamente dal medico e portare in farmacia, per avere le proprie medicine basterà averne una copia 'digitale'. Lo ha detto il commissario Angelo Borrelli in conferenza stampa alla Protezione civile.

Ricetta medica via mail, o con un semplice messaggio WhatsApp: al fine di evitare il più possibile gli spostamenti dei cittadini e le occasioni di contagio, la Protezione Civile ha firmato un'ordinanza che consentirà di avere tutto il necessario per ritirare i farmaci senza recarsi dal medico.

Ciò che viene inviato via e-mail (pec oppure ordinaria) o via messaggio è il "Numero di ricetta elettronica" oppure direttamente la ricetta medica dematerializzata.

Il sistema di acquisto farmaci senza ricetta medica, solo sospese per il momento, prevede l'uso di un codice specifico, novità che non solo limita gli spostamenti ma velocizza e dovrebbe rendere più efficiente il sistema sanitario nazionale.

Nell'ordinanza si legge infatti: "Al momento della generazione della ricetta elettronica da parte del medico prescrittore, l'assistito può chiedere al medico il rilascio del promemoria dematerializzato, ovvero l'acquisizione del Numero di Ricetta Elettronica".

- comunicazione telefonica da parte del medico prescrittore del numero di ricetta elettronica, laddove l'assistito indichi al medesimo medico il numero telefonico.

Il tuo browser non può riprodurre il video.

Caro lettore, da tre settimane i giornalisti di AvellinoToday ed i colleghi delle altre redazioni lavorano senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulla emergenza CoronaVirus.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE