Sandra Savaglio è il nuovo assessore regionale all’Università e alla Ricerca

Bruno Cirelli
Febbraio 22, 2020

La nuova governatrice della Calabria appena si è insediata, oltre ad aver nominato assessore il capitano dei carabinieri 'ultimo', (a proposito si spera che la gente di Calabria possa guardare in faccia colui che dovrà occuparsi di ambiente e con cui dovrà rapportarsi, visto che da quando ha arrestato Riina, per ragioni di sicurezza gira col volto coperto), ha dichiarato che per tre giorni alla settimana lavorerà per la Calabria da Roma. La Calabria deve diventare numero uno nella ricerca scientifica, nell'eccellenza. A chi è scappata dall'Europa per poter eccellere. Grande attesa soprattutto per la Sanità, ma anche per Bilancio e Finanze, Trasporti e Infrastrutture.

"Io ringrazio moltissimo Sandra Savaglio - ha aggiunto Santelli - per aver accettato questa sfida: so quanto le costa lasciare la docenza e la ricerca, ma scegliere l'impegno pubblico è un salto di qualità, è far diventare patrimonio dei calabresi, e spero dell'Italia, la propria esperienza".

Sandra Savaglio è una scienziata di fama internazionale, partita da Cosenza nel 1991, con quasi duecento pubblicazioni. Da anni denuncia la difficile condizione della ricerca in Italia. Ora, fermo restando che un governatore può darsi la linea amministrativa che preferisce, come è possibile risolvere i tanti e gravi problemi della Calabria, perché di questo si tratta, rimanendo lontani dalla terra che si vuole amministrare?

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE