E' morto l'attore Flavio Bucci, fu il Ligabue televisivo

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 21, 2020

È morto nella sua abitazione di Passoscuro, per un infarto, l'attore Flavio Bucci.

Flavio Bucci è morto e la notizia si sta diffondendo su tutti i giornali online e sui social. Era nato a Torino il 25 maggio del 1947 da genitori lucano-pugliesi. Si forma professionalmente presso la scuola di recitazione del Teatro Stabile di Torino.

L'attore non ha mai fatto mistero di amare gli eccessi.

"Ho speso 7 miliardi in cocaina - aveva detto in una intervista al Corriere della Sera - ma non ho rimpianti".

Bucci, tra l'altro, è andato in scena anche a Carpineto Romano, nel suo spettacolo chiamato "E pensare che ero partito così bene" dove raccontava la sua vita, la sua carriera, i successi e le defaillances, aneddoti e riflessioni filosofiche, citazioni dei suoi lavori e di quelli degli altri, consuetudini, vizi privati e pubbliche virtù dello spettacolo italiano. Mah, ha mai provato a ubriacarsi? "E' bellissimo" Bucci asseriva che, fosse tornato indietro, avrebbe rifatto tutto perché - a suo dire - la vita è una somma di errori. Lavorare dalla mattina alla sera per arricchire qualcun'altro. Non sono stato un buon padre, lo so.

Più recentemente l'attore è stato diretto da Vincenzo Salemme (Volesse il cielo!, 2002), da Paolo Virzì (Caterina va in città, 2003), e dal premio Oscar Paolo Sorrentino: il regista di The New Pope (qui la nostra recensione) l'ha diretto infatti in Il Divo (2008). L'anno dopo è la volta di "La proprietà non è più un furto". Chi ha una cinquantina d'anni o giù di lì, lo ricorda a fine anni Settanta protagonista di un celebre sceneggiato tv per la Rai (allora non si chiamavano fiction) dedicato al genio ribelle di Ligabue. Due dalla compagna Micaela Pignatelli e Ruben, il terzo figlio, avuto con la moglie Loes Kamsteeg che Bucci ha continuato a chiamare moglie anche dopo la separazione. Di Flavio Bucci, però, resterà soltanto il ricordo. In un percorso di vita altalenante ha sempre ricevuto l'amore di Riccardo, il fratello che lo ha sempre aiutato e sostenuto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE