Beirer, KTM: La MotoGP è affascinante e noi siamo dove volevamo essere

Rufina Vignone
Febbraio 21, 2020

Anche il foro presente sulla parte anteriore della moto è molto diverso dalla soluzione allungata proposta l'anno scorso: quest'anno i tecnici della casa austriaca hanno optato per una soluzione che occupa solamente la parte centrale con un diverso disegno.

Pit Beirer, Sports Manager di KTM, ha commentato oggi l'inizio della stagione per il team arancione, che ha dimostrato nei primi test di Sepang di avere tra le mani una moto finalmente matura e pronta a sfidare ad armi pari i Costruttori veterani della MotoGP.

"Abbiamo avuto momenti difficili, ci sono stati molti infortuni che sono difficili da superare, ma siamo dove vogliamo".

Il 2019 è stato il primo anno in cui KTM ha potuto contare anche su un Team Satellite, ovvero il Tech3 di Poncharal.

KTM ha chiuso la scorsa stagione al quinto posto nella classifica dei produttori, con Espargaro, il suo miglior pilota, all'undicesimo posto in classifica con 100 punti esatti, 15 punti fuori dalla top 10. Non direi che abbiamo un "team satellite" adesso ma che invece siamo un "pacchetto" KTM formato da amicizia e fiducia e includo il nostro test team in quell'intera organizzazione. "È affascinante poter sviluppare moto incredibilmente potenti e di alta qualità, il meglio dell'ingegneria motociclistica e portare i materiali al limite". Poi ci sono i piloti; Pol porta così tanto a questo progetto e conosciamo Brad molto bene, ed è grandioso per noi avere il nostro campione del mondo Moto3 correre ora in MotoGP. Quest'anno Miguel metterà sotto pressione i piloti ufficiali e abbiamo grande fiducia in Iker che ci ha già impressionati. Lavorare al progetto in Moto3 nel 2012 è stato un passo molto importante per il nostro reparto corse perché ci ha permesso di iniziare, d'imparare velocemente e crescere con lo stesso gruppo di persone. Siamo felici di poter giocare un ruolo importante in questa categoria. "Sono convinto che abbiamo fatto un lavoro eccellente dietro le quinte per schierare davvero un'ottima moto in pista sulla griglia di partenza ma questo lo sapremo solo guardando il cronometro".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE