La Sony attacca Achille Lauro: scoppia la polemica

Ausiliatrice Cristiano
Febbraio 20, 2020

"Dio c'è". Tanta la soddisfazione anche della Warner Music Italy.

Lauro, poi, si diceva entusiasta per aver firmato con un'etichetta "leggendaria" che aveva sotto contratto nomi come quelli di AC / DC, Queen e The Doors, ma anche Christina Perri, Kaleo, Panic! "Dio c'è"."Trovo somiglianze tra la nascita di questa etichetta e i miei primi passi nel settore discografico, quando, come i fondatori della Elektra Records, ho investito i miei pochi risparmi nella produzione dei miei album".

Immediato quindi l'intervento di Angelo Calculli, manager di Achille Lauro che ha spiegato la situazione.

"Sono l'entusiasmo e la stessa visione - si leggeva nel comunicato ufficiale di Elektra Records - che accomunano Achille Lauro e Warner Music". La sua creatività e tutta la sua produzione artistica si riferiscono ad un modello nuovo nel settore della musica. Ha detto che Achille ha visto finire in carcere e morire di overdose molti amici e ha capito che è quello è un percorso davvero molto brutto. È il giusto riconoscimento per un artista e per un ragazzo che passerà alla storia della musica italiana. "Ho avuto la fortuna di individuare e scegliere i giusti partner per il progetto "Achille Lauro": in primis Friends and Partners, successivamente Nicolò Cerioni e ora il Gruppo Warner". È quella che la Sony, la casa discografica di Achille Lauro, è pronta a combattere.

Per Nicolò Cerioni: "Conoscere Lauro è stata un'esperienza folgorante".

I costumi di Lauro sono ricercatissimi per questo Carnevale, infatti i negozi specializzati hanno fatto scorta dei suoi travestimenti per migliorare le vendite.

Mentre il suo singolo "Me ne frego" giunto ottavo alla rassegna della musica nazionale continua a spopolare in radio e sul web, il cantante romano è pronto ad iniziare una nuova avventura, che ha i connotati della consacrazione.

Quest'ultima affermazione ha fatto scattare un immediato dispaccio da parte di Sony Music che precisa che l'artista "ha in essere un contratto di esclusiva con Sony Music per ogni sua pubblicazione discografica". Nel corso di un'intervista rilasciata a Di Più, il padre del cantante ha rivelato: "Un giorno mio figlio mi ha voltato le spalle dicendo, proprio come nella canzone, Me ne frego".

"Achille Lauro non ha alcun contratto diretto con Sony Music bensì era concesso in licenza dalla De Marinis s.r.l.". Secondo Canculli "Achille Lauro non è un artista in cast", ma è "tenuto solo a licenziare dischi" con l'etichetta, ecco perchè "è azzardato comunicare la titolarità della persone".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE