Coronavirus, morto il primario di un ospedale di Wuhan

Barsaba Taglieri
Febbraio 17, 2020

I ricercatori hanno analizzato nel dettaglio la zona vicina al mercato e hanno individuato questo laboratorio che conduce ricerche su pipistrelli e agenti patogeni che si trova a nemmeno trecento metri dal principale focolaio primario di diffusione del virus.

In particolare, i due autori, Botao Xiao e Lei Xiao, sostengono che "le possibili origini del coronavirus 2019-nCoV potrebbero avere come causa gli animali infetti tenuti in laboratorio dal Centro per il controllo delle malattie di Wuhan (Whcdc), tra cui 605 pipistrelli". "Il Whcdc è anche vicino all'Union Hospital dove il primo gruppo di medici è stato infettato durante questa epidemia".

Ad avvalorare tale tesi da segnalare che nel laboratorio era già avvenuto qualche attacco dei pipistrelli agli uomini e agli scienziati: trapelano racconti di ricercatori che in passato sono stati messi in quarantena alla luce della gravità di una possibile infezione.

"Le sequenze del genoma dei pazienti erano identiche al 96% o all'89% al coronavirus Bat CoV ZC45 originariamente trovato nel Rhinolophus affinis", hanno scritto gli scienziati nel loro documento.

Secondo fonti ufficiali, come riporta Tgcom24, il virus sarebbe stato trasmesso all'uomo da pipistrelli contaminati venduti in un mercato del pesce di Wuhan.

Nel rapporto stilato dai due ricercatori si legge anche della scoperta di una zecca su un pipistrello. Il parassita in questione, notoriamente, ha un'alta capacità di trasmettere infezioni tramite il sangue di un animale ospite.

Ma non è finita qui, perché gli stessi studiosi della South China University hanno analizzato anche la possibilità che il coronavirus sia fuoriuscito da un secondo laboratorio, posto a 12 chilometri di distanza dall'ormai noto mercato del pesce di Wuhan.

Le conclusioni In attesa di maggiori evidenze lo studio si conclude con un avvertimento: "Potrebbe essere necessario rafforzare i livelli di sicurezza nei laboratori a rischio biologico ad alto rischio, che potrebbero essere trasferiti lontani dai centri urbani e da altri luoghi densamente popolati".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE