Air Italy, a casa 1.450 dipendenti. Valuta vendita singoli business

Paterniano Del Favero
Febbraio 16, 2020

Nell'assemblea pubblica che è seguita è intervenuta anche la sottosegretaria allo sviluppo economico Alessandra Todde: "Chiediamo ai soci di Air Italy di sedersi a un tavolo per trovare con noi soluzioni percorribili per tutti, la messa in liquidazione in bonis della compagnia, decisa unilateralmente, è inaccettabile". E' il senso del confronto che si è svolto stamattina, in conferenza telefonica, tra i liquidatori incaricati di Air Italy e i dipendenti della compagnia aerea basati a Malpensa e a Olbia.

(Teleborsa) - Air Italy ha confermato il licenziamento collettivo dei 1.450 dipendenti della compagnia aerea e la possibilità di cedere rami di azienda e relativo personale, ove se ne presentasse l'opportunità. Lo comunica la società in una nota. "I liquidatori - spiega la nota - hanno illustrato ai dipendenti la possibile evoluzione della procedura di liquidazione, confermando l'intenzione di adottare tutte le misure possibili di sostegno al reddito, compatibili a norma di legge con la procedura di liquidazione stessa".

La ministra delle infrastrutture e trasporti Paola De Micheli ha scritto ai liquidatori per "formalizzare l'urgente richiesta di cambio della procedura, dal momento che la liquidazione danneggia pesantemente i lavoratori e la possibilità di garantire il trasporto aereo sulla Sardegna". "Ancora non è arrivata alcuna lettera di licenziamento". Però è indubbio che le mosse del vettore irlandese sono la diretta conseguenza del vuoto che si verrà a creare con lo stop ai voli di Air Italy.

"Il licenziamento dei 1.500 di Air Italy è un'indecenza". L'Enac "continuerà il monitoraggio su Air Italy al fine di verificare l'adozione di tutte le iniziative a tutela dei diritti dei passeggeri".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE