Coronavirus, Spallanzani: stazionari i due turisti. Dimessi 27 pazienti

Barsaba Taglieri
Febbraio 5, 2020

Si sono aggravate le condizioni di salute dei due turisti cinesi ricoverati allo Spallanzani di Roma per il Coronavirus: è quanto emerso dal nuovo bollettino medico diffuso dall'istituto.

Si aggravano le condizioni della coppia di turisti cinesi ricoverata allo Spallanzani di Roma, i primi casi di Coronavirus registrati nel nostro paese.

L'aggravamento potrebbe rientrare nel decorso del virus.

Sono stati dimessi 26 pazienti dallo Spallanzani di Roma dopo il risultato negativo del test per la ricerca del nuovo coronavirus.

"I pazienti sono monitorati in maniera continuativa e sono sottoposti a tutte le cure, anche farmacologiche del caso, compresi farmaci antivirali sperimentali" si legge nella nota della struttura.

Nel bollettino si riporta inoltre che al momento 11 pazienti sintomatici provenienti da zone della Cina interessate dall'epidemia restano ricoverati allo Spallanzani e su di loro si stanno effettuando le analisi per accertare od escludere il contagio con il coronavirus.

All'invito ha risposto la dottoressa Marta Branca, direttrice generale dell'Istituto Spallanzani, che a nome della ricercatrice Rosaria Capobianchi ha dichiarato: "Mi rammarico di non avere potuto accettare il lusinghiero invito alla partecipazione del personale di ricerca dell'Istituto da me diretto a partecipare al Festival di Sanremo, ma come certo comprenderà, visti i tempi stretti e la situazione di emergenza sanitaria in cui ci troviamo non è stato purtroppo possibile organizzare la partecipazione delle nostre ricercatrici".

Per quanto riguarda le 20 persone, che non presentano alcun sintomo e che hanno avuto contatto con la coppia cinese positiva all'infezione da nuovo coronavirus, continuano ad essere osservate presso l'Istituto Spallanzani. "Le loro condizioni di salute sono buone e resteranno in quarantena fino al termine del periodo previsto delle procedure".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE