Coronavirus: Twitter e Ministero Salute contro le fake news

Barsaba Taglieri
Febbraio 4, 2020

Previsto per questo pomeriggio alle 16, salta il tavolo ministeriale sulla sanità tra comitati molisani e Massimo Paolucci, capo-segreteria del ministro della Salute Roberto Speranza.

Il 9 gennaio 2020 è stato identificato un nuovo virus della classe dei Coronavirus, a Wuhan, in Cina, responsabile di uninfezione respiratoria caratterizzata da febbre ( 38°C), tosse e difficoltà respiratorie (dispnea) che può dare complicazioni con una mortalità poco superiore ad una normale influenza.

"Al fine di uniformare la gestione nell'ambito degli istituti di istruzione di ogni ordine e grado", il ministero dell'Istruzione ha diramato agli Uffici Scolastici Regionali e alle scuole la circolare predisposta dal ministero della Salute con le 'Indicazioni per la gestione degli studenti e dei docenti di ritorno o in partenza verso aree affette della Cina'. Abbiamo dimostrato in questi mesi di avere un servizio sanitario nazionale di altissima qualità, io voglio ringraziare i nostri medici, infermieri, operatori sanitari, ricercatori. Avevamo scelto in Italia di alzare comunque significativamente la soglia dei controlli. "Credo che sia l'atteggiamento giusto". "Siamo al lavoro ogni giorno sul coronavirus - ha detto il ministro Speranza - anche per offrire notizie accurate e tempestive ai cittadini". "Ci sono solo due persone per le quali è stato accertato con certezza il contagio da coronavirus".

"La Protezione civile regionale ha prontamente attivato le procedure utili e necessarie per garantire piena operatività in caso di emergenza" spiega l'assessore Lampis, delegato in materia di Protezione civile. "Le scelte che stiamo facendo possono rassicurare il nostro Paese, l'Italia è un grande Paese e gli allarmismi sono sbagliati, ma la soglia d'attenzione deve essere altissima". Per quanto riguarda gli italiani in Cina, Borrelli ha precisato che potranno tornare "se vorranno".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE