La Cina eliminerà la plastica monouso

Bruno Cirelli
Gennaio 23, 2020

Partirà dalle grandi città e poi si amplierà ai centri urbani più piccoli.

L'Amministrazione, guidata dal sindaco Enrico Di Giuseppantonio, ha così voluto iniziare l'iter virtuoso volto a ridurre ed eliminare la plastica monouso, relativamente per il momento alle attività di ristorazione presenti in città e sulla spiaggia. I primi a dire addio sono i sacchetti di plastica non biodegradabili, che saranno vietati nei centri commerciali, nei supermercati e nella ristorazione a domicilio entro la fine del 2020 nelle metropoli, e poi entro la fine del 2022 in tutte le principali città cinesi e nelle zone urbane delle regioni costiere, fino ad arrivare a un divieto completo in tutto il paese entro la fine del 2025. Inizialmente, specifica la nota, il divieto non riguarderà i mercati cittadini.

La Commissione nazionale per lo sviluppo e le riforme (NDRC) cinese ha dichiarato che la produzione e l'uso di un gran numero di materie plastiche monouso saranno gradualmente eliminati in tutto il paese da qui al 2025. Per la stessa data, agli hotel non sarà più consentito fornire articoli in plastica monouso e in tutta la Cina nessun servizio postale sarà autorizzato a utilizzare imballaggi in plastica.

Un piano ambizioso che risponde all'esigenza di limitare l'utilizzo di plastica usa e getta ma che da solo non basta. E promuoverà, al contempo, materiali alternativi degradabili e riciclabili.

Così come è pensata, la nuova legge servirà soprattutto a diminuire l'utilizzo della plastica nella ristorazione.

Questa non è la prima campagna della Cina contro l'uso della plastica: nel 2008, il Paese ha vietato ai rivenditori di distribuire sacchetti di plastica gratuiti e ha vietato la produzione di sacchetti di plastica ultrasottili e nel 2017 la Cina, una volta il più grande importatore mondiale di rifiuti di plastica, ha annunciato che avrebbe vietato l'importazione di tale spazzatura. La Cina, infatti, è uno dei maggiori responsabili dell'inquinamento causato dai rifiuti di plastica, insieme a Indonesia, Filippine, Vietnam e Thailandia. I rifiuti plastici rappresentano uno dei più rilevanti problemi ecologici nel gigante asiatico, che si trova a dover combattere ad esempio con circa 60 milioni di imballaggi per il cibo da asporto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE