Un israeliano in Formula 1: tutto il suo Paese spinge Roy Nissany

Rufina Vignone
Gennaio 17, 2020

L'annuncio ufficiale dell'approdo di Roy Nissany alla Williams in questo 2020 come collaudatore è stato dato a Tel Aviv, al Centro Peres per la Pace.

L'israeliano Roy Nissany sarà il "primo pilota" in Formula 1 del suo Paese come collaudatore per la Williams. Ad accoglierlo la vice team principal Claire Williams: "Roy ha dimostrato le sue capacità guidando nei test post-stagionali ad Abu Dhabi l'anno scorso e noi siamo rimasti estremamente colpiti da ciò che è riuscito a fare in un tempo brevissimo". Nissany senior sfruttò i suoi ampi fondi per riuscire a prendere parte ad una sessione di prove libere valida per il Gran Premio d'Ungheria del 2005, alla tutt'altro che tenera età di 38 anni. Il giovane driver è stato messo sotto contratto come collaudatore dello storico team che nelle ultime stagioni sta attraversando un periodo di crisi finanziaria e di risultati in pista, ben lontani dai fasti del passato quando ha fatto incetta di titoli con campioni del calibro di Alain Prost, Damon Hill e Nigel Mansell, solo per citarne alcuni. A dicembre, quando ho testato con il team ad Abu Dhabi, mi sono sentito subito a mio agio all'interno della macchina.

L'israeliano Roy Nissany test driver Williams.

"Questa è una pietra miliare per i motori in Israele", ha commentato lo stesso Roy. La sua precedente esperienza alla guida di un'auto di Formula 1 era stata a Valencia nel 2014 al volante di una Sauber. È un pilota che lavora sodo con cui siamo davvero entusiasti di poter lavorare quest'anno. "L'esperienza che acquisirò quest'anno, immergendomi con la Williams, si rivelerà preziosa e non vedo l'ora di iniziare, sia dentro che fuori pista." .

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE