Sardine, Salvini prende in giro un manifestante dislessico

Bruno Cirelli
Gennaio 17, 2020

Un ragazzo dislessico, Sergio Echamoanov di 21 anni, che stava tenendo un discorso durante un flash mob organizzato dalle Sardine a San Pietro in Casale, in provincia di Bologna, è stato "bullizzato" da Matteo Salvini. Alla manifestazione hanno partecipato molti studenti con in mano dei libri. "E, come può capitare a tutti noi, si è impappinato".

Leggi anche - Sardine a San Giovanni in Laterano: 100.000 in piazza Roma.

Sergio è dislessico, e per un banale post di Facebook ha già ricevuto migliaia di insulti: "Perderà il lavoro dopo l'ennesimo attacco della 'bestia' - spiegano le Sardine -".

Echamanov ha deciso di querelare il leader leghista.

"Chi ha iniziato a lavorare nel 1996 - ha ricordato il sottosegretario Puglisi nell'intervista a Dire - andrà già in pensione con un metodo pienamente contributivo, quindi - ha aggiunto - è auspicabile prevedere forme flessibili in uscita". "Come Giovani Democratici chiediamo che la Lega chieda scusa per quanto successo e che, chissà, magari che prenda anche le distanze da quello che ormai non è più un leader, ma un oppressore dei più deboli". Il suo è stato un intervento coraggioso e molto emozionato. Il video integrale tra l'altro ha dei momenti molto intensi e un discorso con un chiaro senso politico. In più, all'interno del post su Facebook, l'ex ministro dell'Interno ha scritto: "All'odio di Repubblica, rispondiamo con bacini e sorrisi", aggiungendo anche delle emoticon in tema. "Abbiamo visto gli abitanti di Bibbiano stritolati nella gogna mediatica, a partire dai continui attacchi personali e dall'assedio del paese da parte di giornalisti e media negli ultimi mesi". Donne, uomini, ragazzi, persino minorenni: nessuno viene risparmiato dalla sua macchina del fango digitale.

Echamanov, di origine ucraine ma residente a Ferrara, tramite la pagina del movimento ha fatto sapere: "Mi sento orgoglioso del mio imbarazzo, non avevo preparato nulla, nemmeno il discorso, perché volevo essere me stesso".

"Il problema per me sarà suonare al campanello nelle case con il timore di essere attaccato per le mie idee politiche". Cosa rispondo a Salvini? "Grazie Matteo, ma a me l'unica cosa che hai tolto è la serenità sul lavoro", ha detto.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE