Meningite, altro caso a Bergamo: è il marito di una vittima

Barsaba Taglieri
Gennaio 14, 2020

Secondo quanto rende noto l'Ausl Romagna in una nota, le condizioni della donna "sono serie ma stabili" e la situazione "costantemente monitorata, non prefigura allarme sanitario".

E' stato ricoverato a Bergamo, all'ospedale Papa Giovanni XXIII, il marito di Marzia Colosio, la 48enne di Predore originaria di Tavernola Bergamasca deceduta il 3 gennaio al Civile a causa di un'infezione fulminante da Meningococco di tipo C. L'uomo fortunatamente non è in gravi condizioni. Lo conferma l'assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

Proseguiranno martedì e mercoledì (dalle 9 alle 16) anche le vaccinazioni all'istituto Antonietti: sono già concluse, invece, al Cfp. Romano sta bene, è fuori pericolo, e noi siamo tranquilli. "Così come sono tranquille le mie due nipoti" come riporta l'Eco di Bergamo. "In queste ore l'Istituto Superiore di Sanita' ha confermato che i primi 4 casi di Sepsi da meningococco C registrati nelle scorse settimane nel Basso Sebino presentano lo stesso genotipo del batterio - prosegue Gallera -. Questo elemento conferma la scelta di procedere all'offerta vaccinale estesa alla popolazione della zona". L'azienda ha attivato la profilassi antibiotica prevista contattando i familiari e le persone che hanno avuto contatti stretti con l'ammalato nei giorni precedenti la comparsa dei sintomi, a cui è stata somministrata la terapia preventiva del caso.

"Sono rammaricato per alcune scelte eccessivamente emotive e non giustificabili adottate nei giorni scorsi nell'ambito del settore sportivo: la scelta di cancellare addirittura manifestazioni sportive in calendario, alcune delle quali si giocano all'aperto, non è utile in alcun modo e non giova a questo territorio e ai suoi abitanti" ha evidenziato Gallera, commentando la notizia che due squadre di volley non si sono presentate per due partite nella zona, per il timore infondato di contagio del batterio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE