Tokyo 2020, dai letti di cartone alle medaglie fatte con metalli riciclati

Rufina Vignone
Gennaio 13, 2020

Tokyo 2020 si preannuncia così come un'Olimpiade ecosostenibile: l'intento è quello di ridurre al minimo le emissioni di carbonio. I materassi utilizzati invece sono in polietilene: i letti verranno riciclati una volta terminati i Giochi.

Gli atleti di tutto il mondo che prenderanno parte alle Olimpiadi di Tokyo 2020 in programma nella prossima estate, dormiranno su dei particolarissimi letti di cartone. Takashi Kitajima, direttore generale dell'Athletes Village ha specificato che questi letti eco-sostenibili sono lunghi circa 2.10 metri e capaci di sostenere un peso di circa 200 chili. I letti sono realizzati dall'azienda giapponese Airweave, tra i partner ufficiali di Tokyo 2020. Al termine della manifestazione, le unità abitative presenti nel villaggio olimpico (dove ci saranno in totale 18mila posti letto) saranno vendute al prezzo di partenza di 50 milioni di yen, circa 400mila euro. Anche le medaglie olimpiche, che saranno consegnate ai vincitori delle varie discipline sono state realizzate da materiale riciclato, utilizzando anche vecchi telefoni. Il comitato organizzativo ne ha fatti piazzare 18'000 nel villaggio olimpico, 8'000 per le paralimpiadi, e fanno parte di uno sforzo per avere un'edizione delle Olimpiadi il più possibile rispettosa dell'ambiente e esente da sprechi. Gli spostamenti di atleti, tifosi e addetti ai lavori saranno effettuati grazie a veicoli elettrici, con i podi delle cerimonie che saranno prodotti con plastica riciclata.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE