Apple Watch lo salva, Cook gli scrive

Bruno Cirelli
Gennaio 12, 2020

Masimo, una società specializzata nella produzione di dispositivi di classe medica, ha deciso di intentare causa ad Apple, per la violazione della proprietà intellettuale relativa alle tecnologie impiegate in Apple Watch.

Secondo quanto raccontato, è stato avvisato dal dispositivo di avere una frequenza cardiaca troppo elevata. Recatosi al pronto soccorso ha ricevuto una visita dalla quale non è fortunatamente emerso nessun segno di infarto ma che ha però confermato la presenza di una pericolosa tachicardia della quale l'uomo non si era reso conto.

L'intere storia è stata raccontata sulla piattaforma di Instagram, con tanto di fotografie del device e selfie dal letto d'ospedale. In particolare, la società californiana pare avesse espresso interesse per la Signal Extraction Technology (SET), una tecnologia di fotopletismografia sviluppata dalla stessa Masimo e pensata per aumentare sensibilmente l'affidabilità del monitoraggio della saturazione di ossigeno e della frequenza cardiaca, tramite l'utilizzo di un fascio luminoso. Il brasiliano raconta che "non avvertivo alcun sintomo ed avrei potuto avere questa tachicardia per ora". Ed il risultato di questo, beh, lo sapete già. "Buon anno nuovo! Sono contento che tu stia bene adesso". Grazie per aver condiviso la tua storia con noi. "Può essere la differenza tra vita e morte".

Il ceo di Apple, Tim Cook, ha inviato una e-mail al pubblicitario brasiliano Jorge Freire, dopo che quest'ultimo aveva scritto sui social di aver scoperto che aveva una tachicardia grazie all'apposita applicazione installata sul suo Apple Watch. Ci ispira a continuare ad andare avanti. L'episodio è avvenuto poco dopo Natale, il 27 dicembre, mentre la mail da parte di Tim Cook, che Freire ha postato sul suo profilo Facebook, è arrivata a gennaio.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE