Parigi, chi era il ragazzino morto nel carrello dell'aereo

Bruno Cirelli
Gennaio 11, 2020

"Ani Guibahi Laurent Barthélémy, nato il 5 febbraio 2005 a Yopougon, distretto di Abidjan, allievo del 4 anno a Niangon Lokoua (sottodistretto di Yopougon)". Ma purtroppo non ci è mai arrivato. Secondo quanto finora ricostruito, è riuscito a penetrare in una breccia nella sicurezza dell'aeroporto ivoriano, si è arrampicato sulle ruote del carrello, infilandosi nell'alloggiamento dove poi il carrello stesso viene ritirato dopo il decollo. Un caso che ha sconvolto l'opinione pubblica. "La visione delle telecamere di sorveglianza ha permesso di notare che Ani Guibahi Laurent Barthélémy ha effettuato l'accesso al carrello di atterraggio dell'aeromobile afferrandolo mentre si preparava per il decollo intorno alle 22.55 di martedì" spiega la nota ministeriale rinnovando il cordoglio alla famiglia del ragazzo.

Ricordando che il ministero dei trasporti aveva immediatamente istituito una commissione investigativa presieduta dal direttore generale dell'Autorità nazionale per l'aviazione civile, che comprendeva oltre all'ANAC, la polizia nazionale, la Gendarmeria nazionale, l'Ambasciata francese, Air France e AVISECURE, il governo ha assicurato la tragedia non mettere in discussione gli importanti risultati ottenuti sulla sicurezza dell'aeroporto. Durante il viaggio in quota, la temperatura precipita a -50, rendendo impossibile la sopravvivenza.

Il ministro Amadou Koné ha sottolineato al quotidiano Fraternité Matin: "Nel video si intravede una persona vestita con una t-shirt. Poi, si è nascosto nel verde e si è aggrappato al carrello dell'aereo al momento del volo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE