Diffuso il video dell’attacco dell’Iran. Di Maio: "Serve dialogo"

Bruno Cirelli
Gennaio 10, 2020

Anche il Segretario del Partito democratico Nicola Zingaretti ha espresso la propria preoccupazione per la crescente tensione tra Iran e Stati Uniti. "È accaduto quello che temevamo", ha scritto su Facebook il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

"Il raid Usa e la violenta risposta di Teheran che l'Italia condanna con forza e che mette in pericolo la stessa incolumità dei nostri militari impiegati nella Coalizione anti-Daesh - scrive - rischiano oggi di aprire una crepa insanabile. Si tratta di un atto grave che accresce la tensione in un contesto gia' critico e molto delicato".

"Non è accettabile che in merito ai focolai di questi giorni, qualcuno tenti di polarizzare il dibattito pubblico intorno al dualismo emotivo della paura e, dunque, della violenza", dice il ministro degli Esteri. Come ha appunto sottolineato il ministro degli Esteri a Erbil erano presenti anche militari italiani, che sono rimasti illesi, dopo essersi rifugiati in un bunker.

Purtroppo e' la storia che si ripete. Invitiamo entrambe le parti alla moderazione e alla responsabilità. La regione vive una instabilità da decenni, una nuova guerra spingerà la proliferazione di cellule terroristiche e di nuovi flussi migratori. "Si apprenda dagli errori del passato e si torni al dialogo". Questa sera sarà ad Algeri. Pensiamo invece che servano misure serie per attivare e soprattutto far rispettare un embargo complessivo via terra, via aerea e via mare nel Mediterraneo.

Cessate il fuoco immediato, stop all'escalation militare e fine delle interferenze esterne in Libia, in particolare da parte della Turchia, che ha deciso di inviare i suoi soldati a fianco del governo di Tripoli.

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE