"Troppo dolore, mi faccio sedare": l'ultimo post di Giovanni

Barsaba Taglieri
Gennaio 8, 2020

"Diverso è il discorso del suicidio assistito, che la sentenza della Corte Costituzionale ha ammesso in pochi e ben individuati casi, trasformando di fatto la giurisprudenza in materia in legge". Giovanni Custodero, ex calciatore, da anni cerca di guarire da un sarcoma osseo che gli ha tolto molto, quasi tutto, ed ora gli impedisce di vivere: così, ha annunciato su Facebook di aver deciso di essere messo in coma farmacologico, per non dover sopportare l'inimmaginabile.

Commoventi le risposte al post del campione fasanese, che ha raccolto 8mila 400 like e decine di commenti: "Grazie per la serenità che, nonostante la sofferenza, riesci a trasmettere". Da una parte c'è il calciatore guerriero, sostenuto da familiari, amici e da varie squadre calcistiche tra cui il Lecce (che ha raccolto fondi dalla vendita di magliette dello "Smiling warrior", simbolo dell'atteggiamento combattivo di Custodero, durante la partita con la Juventus disputata a ottobre 2019 - ndr), dall'altra il cancro che ha costretto il brindisino all'amputazione della gamba sinistra, a sedute di chemio e alla radioterapia.

Dopo un primo ciclo di cure, il tumore era tornato, estendendosi a femori, clavicola sinistra e cranio. Con queste parole, affidato a un ultimo post su Facebook, Giovanni Custodero ha voluto condividere un ultimo aggiornamento sulla sua battaglia.

"Eccoci arrivati alla battaglia finale, siamo io e lui, uno davanti all'altro e lo guardo in faccia". Capisco che è forte dell'energia con la quale l'ho nutrito in questi anni, mentre io sono ormai stanco. Però, ora che le feste sono finite, e con loro anche l'ultimo granello di forza che mi restava, ho deciso che non posso continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che la sorte ha in serbo per me.

Al suo fianco, nel percorso e nella lotta contro la devastante malattia, non è mai mancato il sostegno della famiglia e delle persone a care.

Di qui l'annuncio: "Da domani sarò sedato e potrò alleviare il mio malessere". Custodero, quasi presagendo i messaggi sui social che continuano a essere pubblicati, scrive: "Spero di essere stato di aiuto per molte persone". Per questo voglio per l'ultima volta ringraziarvi per ciò che siete stati.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE