Un solo indagato per 'buu' a Balotelli

Rufina Vignone
Dicembre 23, 2019

"Ce l'avevo solo con poche persone, ma quelli sono degli scemi".

E in effetti, di quei tifosi che il 3 novembre scorso lo fecero arrabbiare a furia di "buu" da un settore della curva dello stadio Bentegodi durante Verona-Brescia ne è stato individuato soltanto uno.

Si tratta di un uomo residente ad Agrigento, finito nel registro degli indagati della Procura della repubblica, unico a essere stato identificato dalla Digos della Questura dopo una lunga e approfondita analisi dei video girati allo stadio. Decisivo un fermo immagine nel settore Poltrone Est estrapolato da un video girato da un'amica e circolato in rete. Secondo quanto si è appreso il siciliano non risulta appartenere a nessun gruppo ultras, né frequentare abitualmente gli stadi. "Hellas Verona FC accoglie con soddisfazione la decisione adottata dalla Corte Sportiva d'Appello Nazionale in seguito al reclamo proposto dal Club ed alle relative udienze di discussione, con cui ha riformato la decisione adottata dal Giudice Sportivo limitando, anziché all'intero Settore Poltrone Est, le chiusura al solo settore 8 dello stesso, con ulteriore concessione della sospensione condizionata per un anno di prova, annullando quindi la decorrenza immediata della sanzione". "Non è bello - aveva replicato Balotelli - ma non ho accusato il Verona, non ho accusato la curva del Verona. Di sicuro non erano due o tre perchè li ho sentiti dal campo".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE