Regno Unito, affondo di Corbyn su Johnson: 'Ha mentito'

Bruno Cirelli
Dicembre 9, 2019

Boris Johnson chiede il voto per il partito conservatore alle elezioni britanniche del 12 dicembre per avere "la Brexit fatta". Quando mancano oramai solo cinque giorni all'ora x, Boris Johnson e Jeremy Corbyn si sono sfidati testa a testa in un duello televisivo andato in onda sulla Bbc, l'ultimo prima delle elezioni.

Ma il giornalista Nick Robinson ha sfidato Johnson, sottolineando che mentre aveva in essere un accordo di recesso, non aveva un accordo commerciale con l'UE, e quindi non poteva escludere un'uscita senza accordo nel gennaio 2021.

Il lavoro laburista ha affermato che un documento mostra che l'accordo di Johnson avrebbe un impatto "devastante" sull'Irlanda del Nord. Quando l'argomento è emerso nel dibattito, Corbyn ha detto del suo rivale: "Ha parlato in una conferenza DUP e ha detto che non ci sarebbero state restrizioni [commerciali] [dopo Brexit], ora sappiamo che ci sono restrizioni". Lo ha detto Jeremy Corbyn in apertura del dibattito. Corbyn h anche aggiunto che nello scenario della Brexit un possibile accordo commerciale tra conservatori e Usa potrebbe portare alla svendita del sistema sanitario nazionale.

La contrarierà alle politiche dello Stato di Israele e il sottile sostegno a organizzazioni come Hamas e Hezbollah hanno portato molti interni ed esterni al suo partito a sospettare che dietro le opinioni di Corbyn ci possa essere un chiaro sentimento antisemita.

Altre tema chiave l'Irlanda. "Due uomini poco entusiasmanti, entrambi non adatti a diventare Primo Ministro". Anche se si tratta di dati da prendere con le molle, Johnnson, in vantaggio nei sondaggi, ha comunque evitato scivoloni.

E il portavoce della Brexit democratica liberale Tom Brake ha dichiarato: "Il dibattito di stasera è stato il peggiore della politica britannica. Due leader che non offrono nulla di nuovo, niente di diverso e non sono onesti sul dolore che la Brexit causerà alle nostre comunità".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE