Bonus Condizionatori 2020: tutte le novità

Paterniano Del Favero
Dicembre 9, 2019

L'agevolazione consiste in una detrazione dall'imposta lorda IRPEF pari al 50% delle spese per gli interventi di ristrutturazione di edifici residenziali (quindi anche il tuo sottotetto). Inoltre, è stato introdotto un nuovo bonus che riguarda la restaurazione delle facciate degli edifici.

Fino al 31 dicembre 2020, grazie alla proroga prevista dalla Legge di Bilancio, è ancora in vigore la detrazione del 50% per la ristrutturazione degli edifici.

Se vuoi recuperare il sottotetto di casa puoi fruire di un'altra detrazione fiscale, l'Ecobonus per lavori di risparmio energetico, prorogato fino al 31 dicembre 2020. Il bonus viene erogato in 10 rate annue. Per chi, oltre all'installazione di un nuovo impianto, ha anche effettuato interventi di ristrutturazione straordinaria e ha acquistato nuovi mobili ed elettrodomestici di classe A+ in favore del risparmio energetico. Il tetto massimo di applicazione della detrazione sarà di 96mila euro e la spesa detraibile sarà del 50%.

Per l'istallazione delle caldaie ci sono due aliquote distinte, in base al tipo d'intervento.

La misura prevede dallo scorso anno, una detrazione fiscale al 65% per chi provvede a sostituire ed installare una nuova caldaia a condensazione di classe A con contestuale montaggio delle valvole termoregolazione mentre si ha diritto ad una detrazione fiscale al 50% per chi istalla una caldaia a condensazione di classe A senza valvole mentre è pari a zero per chi decide di istallare una caldaia di classe B o inferiore.

- la detrazione o sconto al 50% è invece per chi istalla una caldaia a condensazione di classe A senza valvole.

Il sismabonus è confermato fino al 2021. L'aliquota di sconto Irpef è del 70% per lavori di miglioramento di una classe sismica dell'edificio. La somma complessiva della detrazione che spetta al contribuente può essere suddivisa in dieci quote annuali dello stesso importo.

Per i condomini sono previste aliquote diverse per gli interventi che riguardano parti comuni.

Il nuovo ingresso nella legge di bilancio 2020 è il bonus facciate.

Tra le altre spese ammesse alla detrazione IRPEF al 50% ci sono anche quelle per la progettazione e le altre prestazioni professionali legate al restauro. Non è stato stabilito nessun limite di spese e neanche un tetto massimo di reddito per richiedere il bonus.

Nel 2020 è molto probabile invece che si introdurrà un ulteriore sistema, volto a trasformare la detrazione in un credito finanziario.

Rifacimento delle ringhiere, balconi e marmi. L'acquirente o l'assegnatario dell'immobile deve calcolare la detrazione, indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell'abitazione. Facciamo presente che la ditta potrà cedere il credito fiscale ai suoi fornitori.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE