Aston Martin, dietro Stroll c'è la Mercedes: terremoto per la Red Bull

Rufina Vignone
Dicembre 9, 2019

Nonostante questo se Stroll decidesse di dare il colpo decisivo e comprare la Aston Martin la situazione potrebbe cambiare velocemente. La trattativa sarebbe a buon punto, secondo quando riportano alcuni media inglesi.

Lo scenario più realistico riguarderebbe l'ingresso di Aston Martin nel circus, a partire dal 2021. È il migliore momento possibile per acquistare l'azienda.

F1 | Un nuovo costruttore alle porte: in F1 entra anche la Aston Martin? I prezzi delle azioni Aston Martin sono scesi dalle 19 sterline al lancio a circa 5 pound attualmente, e hanno fatto registrare una perdita nei primi mesi del 2019 di circa 90 milioni di euro. Già fortemente coinvolto nel mondo dei motori, non solo perché proprietario di una concessionaria Ferrari nel Quebec e per una collezione di gioielli del Cavallino di inestimabile valore, ma anche perché titolare del Formula 1 Racing Point (ex Force India) Stroll deve la sua fortuna dall'aver investito con successo nei brand di moda Pierre Cardin, Ralph Lauren e Tommy Hilfiger, oltre che nel brand di gioielleria Asprey & Garrard.

Aston Martin ha aperto un nuovo stabilimento nel Galles del Sud, nelle vicinanze di Cardiff, nel quale intende ricollocare la compagnia, da sola, a differenza di altre grandi compagnie (come la recente unione tra PSA e FCA).

La mossa potrebbe avere serie implicazioni per la Red Bull, il cui sponsor principale è proprio l'Aston Martin. Le due aziende hanno collaborato alla creazione della hypercar Valkyrie, che dovrebbe partecipare nel Campionato mondiale endurance 2020-21, compresa la 24 Ore di Le Mans.

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE