"Razzisti banditi a vita dal Club" Ecco i provvedimenti del Manchester City

Rufina Vignone
Dicembre 8, 2019

In Inghilterra c'è tolleranza zero nei confronti del razzismo. Siamo essere umani, tutti hanno sogni e desideri. Siamo al minuto 68 del derby poi vinto sabato 7 dicembre dai Red Devils 2-1: il brasiliano si avvicina alla bandierina, viene insultato col gesto della scimmia da parte del tifoso del City e infine colpito da alcuni oggetti lanciati dalla curva.

"Il Manchester City è a conoscenza dei video che stanno circolando sui social network nei quali si vede un tifoso fare dei gesti razziali durante il secondo tempo del match con il Manchester United". L'arbitro si accorge di tutto, interrompe il gioco e chiede l'intervento degli steward.

Prenderemo la questione molto seriamente le accuse di razzismo verso il dipendente e abbiamo aperto un'indagine.

Anthony Burke, 40 anni ex militare dell'esercito britannico di stanza per anni in Irlanda del Nord e oggi manager di una società di ingegneria civile, è stato rapidamente individuato e oggi è stato arrestato, con l'aiuto del club campione d'Inghilterra che ha aiutato la polizia a identificare Burke. "Spero non sia più ammesso in uno stadio". "È una nuova esperienza per lui, sono così felice per Chris perché sta facendo vedere il miglior giocatore che è".

Altre relazioni OverNewsmagazine

Discuti questo articolo

SEGUI I NOSTRI GIORNALE